Cultura & Spettacoli

Il San Rocco Festival rende omaggio a Zomba: gli organizzatori cercano foto e video

Zomba questa estate sarebbe potuto tornare nella “sua” Rotonda.

Leggenda dello swing toscano, Fosco Marchetti, conosciuto da tutti come Zomba, ha fatto ballare più generazioni e portato in Maremma Mina e Ornella Vanoni. Infatti Zomba, classe 1926, negli anni Cinquanta e Sessanta era una delle voci più richieste nei club della Toscana. Ma tra i suoi preferiti è sempre rimasta La Rotonda di Marina di Grosseto, che finalmente quest’anno è tornata a risplendere.

Giorgio Zorcù ha pensato di dedicare un omaggio a Zomba, a dieci anni dalla scomparsa, proprio il giorno dell’inaugurazione del San Rocco Festival. Come? Con una breve proiezione, composta da foto e filmati, da incastonare nel concerto di Musica da Ripostiglio la sera del 24 luglio. Tutti possono contribuire alla creazione di questo ricordo collettivo (si possono inviare immagini e video all’indirizzo di posta elettronica info@accademiamutamenti.it).

Il San Rocco Festival è nato lo scorso anno dopo il primo lockdown grazie alla volontà della Pro Loco di Marina e Principina, alla tenacia dell’ideatore e direttore artistico, Giorgio Zorcù, con la sua compagnia Accademia Mutamenti, e grazie al sostegno dell’assessorato alla cultura del Comune di Grosseto, insieme a tante aziende del territorio. Un successo superiore alle aspettative che ha portato quest’anno alla seconda edizione, che propone spettacoli unici, e produzioni ad hoc per il festival come “Ventimila leghe sotto i mari“. Il programma, che inizierà il 24 luglio per concludersi il 25 agosto, ospita grandi artisti, la rielaborazione di memorie del territorio, la produzione di nuovi format di grande potenza espressiva, mostre e incontri con gli artisti, recital e pomeriggi per bambini, che si terranno tra Marina e Principina, con grande protagonista, anche quest’anno, il Forte San Rocco.

Ricordiamo che è obbligatoria la prenotazione per partecipare agli eventi (www.rivieradellamaremma.it/sanroccofestival).

Il festival si aprirà sabato 24 luglio alle 18.30 al Bagno La Gondoletta con l’inaugurazione della mostra “Ai naviganti”, dodici dipinti a olio e acrilico su tela di Armando Orfeo destinati al calendario 2022, che sarà messo in vendita per destinare fondi al reparto di Pediatria dell’ospedale di Grosseto. Il brindisi inaugurale sarà allietato dalle note dei Musica da Ripostiglio, un piccolo anticipo della prima serata di spettacolo, alle 21.30, sul palco del Forte San Rocco: “Perché da camera ci sembrava eccessivo”, una carrellata swing di musiche dagli anni ’30 agli anni ’50 dedicate a Fosco Marchetti, il mitico Zomba, che incantava con la sua orchestra le serate della Rotonda, a dieci anni dalla scomparsa.

Il 28 luglio, alle 21.30, al Forte San Rocco di Marina due grandi protagonisti, Sandro Lombardi e David Riondino, con “Inferno Novecento”.

Il 30 luglio, alle 21.30, al Forte San Rocco, il capolavoro “Kohlhaas” di Marco Baliani, lo spettacolo che ha dato origine al teatro di narrazione e che continua a incantare da oltre trent’anni (La serata sarà preceduta alle 18.30 dalla presentazione del libro “La pietra oscura”).

Il 3 agosto al Vivaio Principina “Una fiaba moderna: La Principina”, serata sulle origini di Principina tra racconti, teatro e musica, creata con l’Archivio delle tradizioni popolari.

Il 4 agosto alle 16.30, al Bagno Moderno, l’attrice Sara Donzelli nel reading di animazione per bambini “Le mille e una notte”.

Il 6 agosto, alle 21.30, alla chiesa Santa Teresa di Lisieux di Principina a Mare, “Lo zoo di Dante”: bestiario dantesco con Giovanni Guerrieri e il cantante rock Simone Bettin.

L’8 agosto, alle 21.30, al Forte San Rocco di Marina, “Shakespearology” del giovane e pluripremiato gruppo Sotterraneo, che metterà in scena Sir William in-carne-e-ossa.

Il 13 agosto, alle 21.30, al Forte San Rocco “Lucio Dalla: e ricomincia il canto” di EdicolAcustica: giovani cantanti emergenti alla prova con la musica del grande maestro.

Il 16 agosto, alle 18.30, al Forte San Rocco il talk show del Maam (museo archeologico e d’arte della Maremma) “Un mondo sommerso: arte, tutela, archeologia subacquea”. E poi alle 21.30, in replica alle 23, sempre al Forte San Rocco, “Ventimila leghe sotto i mari”, videomapping poetico di Roberto Abbiati.

Il 18 agosto la serata del Grey Cat Jazz Festival con Stefano Cocco Cantini, Antonello Salis, Hamid Drake e Rosario Bonaccorso.

Il 20 agosto, alle 21.30, alla chiesa di Principina a Mare, “E il popolo canta”, recital di Felicita Marcelli del Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards, preceduto alle 18.30 al Vivaio Principina da un incontro con Mario Biagini, erede del grande Grotowski.

Il 22 agosto, alle 21.30, al Forte San Rocco una serata dedicata a due giovani e bravissime coppie di danzatori della Compagnia Xe con “Riflessi lucidi di un mondo perduto” e “In sospeso”.

Il 25 agosto, alle 21.30, al Forte San Rocco la conclusione in musica e poesia con Sara Donzelli e Banda Improvvisa: “L’amor che move”, dedicata a Paolo e Francesca e alla visione di Dio nella Commedia dantesca. Prenotazione obbligatoria.

Prenotazioni e prevendita su www.rivieradellamaremma.it/sanroccofestival.

Ingresso: posto unico € 5,00; fiabe per bambini € 3,00; serata Grey Cat: € 12,00/€ 10,00. Incontri, mostre e conferenze sono a ingresso gratuito.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button