Pubblicato il: 19 Giugno 2014 alle 15:24

Colline MetallifereCultura & Spettacoli

L’Orchestra regionale della Toscana in concerto a Massa Marittima

MANIFESTO Orchestra regionale della ToscanaTorna anche quest’anno a Massa Marittima il tradizionale concerto dell’Orchestra regionale della Toscana, in programma venerdì 20 giugno alle 21.15 nella chiesa di Sant’Agostino.

L’atteso appuntamento, che ad ogni edizione viene apprezzato da appassionati ed uditori meno esperti, sarà come sempre ad ingresso gratuito ed offrirà quest’anno un programma musicale di grande qualità: Adagio dal ‘Quartetto per archi op.11’ di Samuel Barber, Concerto n.1 in la minore per violoncello e orchestra op.33 di Camille Saint-Saens, Sinfonia n.8 in fa maggiore op.93, Ludwig  Van Beethoven.

A dirigere l’Orchestra regionale della Toscana, che da oltre quindici anni si esibisce a Massa Marittima, sarà il maestro Daniele Giorni, mentre al violoncello ci sarà Luca Provenzali. Con questo nuovo appuntamento si rinnova il lungo rapporto di amicizia tra la celebre Orchestra regionale della Toscana  e la cittadina metallifera.

L’amministrazione comunale ringrazia per la collaborazione all’organizzazione dell’evento la parrocchia di San Pietro all’Orto e il Terziere di Cittanuova.

Scheda dell’Orchestra regionale della Toscana

 

  • Presidente: Claudio Martini;
  • Direttore artistico: Giorgio Battistelli;
  • Direttore principale: Daniel Kawka;
  • Direttore ospite principale Daniele Rustioni.

Fondata nel 1980, l’Orchestra regionale della Toscana ha sede al Teatro Verdi di Firenze e oggi è considerata una tra le migliori orchestre in Italia. È formata da 45 musicisti, tutti professionisti eccellenti che sono stati applauditi nei più importanti teatri italiani, come il Teatro alla Scala, l’Auditorium del Lingotto di Torino, l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, e nelle più importanti sale europee e d’oltreoceano, dall’Auditorio nacional de musica di Madrid alla Carnegie Hall di New York. La sua storia artistica è segnata dalla presenza di musicisti illustri, primo fra tutti Luciano Berio.

Collabora con personalità come Salvatore Accardo, Martha Argerich, Rudolf Barshai, Yuri Bashmet, Frans Brüggen, Myung-Whun Chung, Gianluigi Gelmetti, Daniel Harding, Eliahu Inbal, Yo-Yo Ma e Uto Ughi.

Interprete duttile di un ampio repertorio, che dalla musica barocca arriva fino ai compositori contemporanei, l’Orchestra ha da sempre riservato ampio spazio alla ricerca musicale al di là delle barriere fra i diversi generi (Haydn, Mozart, tutto il Beethoven sinfonico, larga parte del barocco strumentale, con una particolare attenzione alla letteratura meno eseguita), sperimentando possibilità inedite di fare musica e verificando le relazioni fra scrittura e improvvisazione. Accanto ai grandi capolavori sinfonico-corali, interpretati con egregi musicisti di fama internazionale, si aggiungono i Lieder di Mahler, le pagine corali di Brahms, parte del sinfonismo dell’Ottocento, con una posizione di privilegio per Rossini, e l’incontro con la musica di Franco Battiato, Stefano Bollani, Richard Galliano, Heiner Goebbels, Butch Morris, Enrico Rava, Ryuichi Sakamoto. Una precisa vocazione per il Novecento storico, insieme ad una singolare sensibilità per la musica d’oggi, caratterizzano la formazione toscana nel panorama musicale italiano.

Il festival “Play It! La musica fORTe dell’Italia” è il manifesto più eloquente dell’impegno dell’orchestra verso la contemporaneità.

Incide per Emi, Ricordi, Agorà e VDM Records.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su