Pubblicato il: 10 Settembre 2019 alle 10:37

Cultura & Spettacoli

“Musica in sala”: quattro concerti gratuiti all’auditorium “San Rocco”. Il programma

La kermesse inizierà il 14 settembre, alle 18.30, e sarà inaugurata da Fabrizio Bai

Musica e teatro a Marina di Grosseto e a Principina a Mare.

Dopo aver sperimentato le potenzialità degli spazi scenici più significativi delle due località balneari (come il Forte San Rocco, la chiesa sotto i pini di Principina a Mare o la spiaggia del beach volley trasformata in teatro all’aperto), si conclude con la rassegna “Musica in sala” l’estate 2019.

Saranno quattro i concerti ospitati nello spazio del piccolo auditorium “San Rocco” di Marina di Grosseto, in via Granducato di Toscana. Quattro appuntamenti di musica di qualità, tutti a dimensione rigorosamente acustica, per un caleidoscopico viaggio attraverso i generi (dalla musica d’autore al pop) che scandirà la parte finale della stagione estiva.

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili; apertura dell’auditorium alle 18 ed inizio alle 18.30.

Il cartellone “Estate 2019. Musica e teatro a Marina di Grosseto e Principina a mare”, ideato e realizzato dalla Pro Loco di Marina di Grosseto e Principina a Mare, con la collaborazione degli operatori economici del territorio e del Comune di Grosseto, ha presentato questa estate un’ampia ed articolata offerta di eventi (un totale di 32 spettacoli), che è stata molto apprezzata dai turisti in vacanza in Maremma: quasi tutti gli spettacoli hanno fatto registrare il tutto esaurito e le presenze complessive hanno superato le 6.000 unità.

La kermesse inizierà il 14 settembre, alle 18.30, e sarà inaugurata da Fabrizio Bai, che presenterà con il suo trio il nuovo disco “Comunque sia…”.

Prodotto da Dodicilune, distribuito in Italia e all’estero da Ird e nei migliori store on line da Believe Digital, sabato 14 settembre esce “Comunque sia…” del Fabrizio Bai Trio. Il musicista toscano (chitarra classica sette corde e cori), nelle sue sette composizioni originali, è affiancato da Raffaele Toninelli (contrabbasso, cori) e da Emanuele Pellegrini (batteria, percussioni, cori).

Le sonorità sono quelle tipiche della musica latina, con forti contaminazioni mediterranee, in particolare nell’arabeggiante brano di chiusura “Argis”. Tutto l’album vuole però raccontare un percorso ormai intrapreso da più di dieci anni da questo trio di musicisti dalle svariate esperienze artistiche, che “Comunque sia…” si ritrovano ogni tanto insieme per produrre musica e coltivare esperienze di vita comuni.

Nei brani c’è uno spaccato di tutto ciò che gli artisti hanno vissuto in questi anni. In “Maracatù (Quebecoise)”, Pellegrini mette in mostra alcune delle sue conoscenze su strumenti a percussione tipicamente carioca (come il berimabo o la kalimba e il ritmo di Maracatù), apprese grazie a collaborazioni con artisti brasiliani. Toninelli invece tocca con le sue corde temi scaturiti dalle sue continue collaborazioni con artisti internazionali della scena jazzistica, come nel solo della title track, tipica ballad swing, ma dai colori e toni più sud americani. Si approda comunque anche sulle sponde del tango con il brano “Milonga d’autunno”. Fabrizio Bai usa toni caldi per “dipingere” armonie e per regalare colonne sonore ai quadri immaginari realizzati da queste sette tracce. Non mancano comunque anche sperimentazioni, come nel brano “Diminuito”, totalmente scritto con accordi diminuiti e semidiminuiti e con un piccolo omaggio al compositore Villa Lobos. Un disco consigliato a chi ama viaggiare con la fantasia e si vuole tuffare nella dimensione più passionale della musica latina.

L’etichetta Dodicilune, fondata e guidata da Gabriele Rampino (direttore artistico) e Maurizio Bizzochetti (label manager) è attiva dal 1996 e dispone di un catalogo di oltre 250 produzioni di artisti italiani e stranieri. Distribuiti nei negozi in Italia e all’estero da Ird, i dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online, ascoltati e scaricati su una cinquantina tra le maggiori piattaforme del mondo grazie a Believe Digital.

Venerdì 20 settembre sarà la volta di un omaggio al grande Frank Sinatra.

Two to Swing“, composto da Andrea Bonucci (cantante, compositore, autore e direttore di coro, il suo repertorio spazia dai classici del jazz, blues, gospel e soul alle sonorità più moderne del rock e del pop) e da Alberto Solari (arrangiatore compositore, direttore d ‘orchestra, trombonista e, in questo duo, pianista), faranno un tributo ai più famosi brani del repertorio di Frank Sinatra.

Il 28 settembre ”Overtones Sax Quartet”, con “Black and White”.

La band nasce nel 1991 in nome dell’amicizia e della voglia di fare musica. Cosi, da oltre 20 anni di ininterrotta attività, questa formazione dimostra come si possa far musica per passione, conciliando l’aspetto professionale al piacere dell’amicizia e dello stare insieme, provando emozioni ed atmosfere sincere e coinvolgenti, da condividere in modo semplice e spontaneo con gli ascoltatori.

In tanti anni di concerti in Italia e all’estero, si è potuto dar vita ad un ampio repertorio, dai brani originali, alle trascrizioni, spaziando in tutti i generi musicali dalla musica barocca, classica, pop e jazz, dove si richiedono capacità poliedriche (qualità importanti per chi suona questo tipo di strumento), con una costante e attenta ricerca di nuove proposte che ben si prestano a questa versatile formazione. I componenti dell’Overtones Sax Quartet sono tutti professionisti che suonano e insegnano, diplomati in saxofono, clarinetto, didattica della musica e composizione. Collaborano e hanno collaborato con orchestre sinfoniche, orchestre moderne, big band, gruppi di musica da camera, ecc, al fianco di musicisti nazionali ed internazionali. I componenti sono Massimo Guerri (sax soprano), Roberto Buoncompagni (sax contralto), Benedetto Burchini (sax tenore) e Walter Donati (sax baritono).

Il festival si concluderà il 5 ottobre con Marzia Sestini: cantante, ha iniziato a studiare all’età di 18 anni alla Max Ballet Academy per tre anni.

Ha cantato in vari gruppi sia come solista che come corista, interpretando stili diversi, dal pop rock al blues al popolare. Nel 2015 ha iniziato un percorso di studi con il vocal coach Davide Piludu Verdigris, con il quale ha rivoluzionato completamente il suo modo di cantare e di interpretare.

Nel 2016 ha vinto il primo premio come best singer al Tour Music Fest, grazie al quale ha pubblicato il suo primo inedito “Mi fido di me”, prodotto da Annachiara Zincone. Marzia Sestini descrive così il suo pezzo: “Il brano descrive la trasformazione che ho fatto in questi ultimi anni, un percorso che mi ha fatto arrivare a fidarmi di me e delle mie scelte, senza paura“. Negli ultimi mesi è stata ospite di varie radio e locali come l’Hard Rock Cafè di Roma, per presentare il singolo, proponendo un repertorio delle artiste pop più famose del momento a livello italiano e internazionale, come Sia, Lady Gaga, Pink, Malika Ayane, Elisa, etc. Sarà accompagnata dal chitarrista Sergio Montaleni.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su