FollonicaScuola

Comunità sostenibile: un progetto scolastico lungo tre anni con l’Agenda 2030

il progetto ha lo scopo di creare responsabilità tra le alunne e gli alunni per mettere in atto buone pratiche ambientali

L’Agenda 2030 – il programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU – chiede di trasformare i centri urbani in città sostenibili, soprattutto dal punto di vista ambientale. Per questo motivo l’Amministrazione comunale di Follonica vuole coinvolgere le cittadine e i cittadini, in modo che possano, attraverso i loro comportamenti, portare un piccolo cambiamento ciascuno.
Ambiente e sostenibilità sono legati, ovviamente, all’educazione e alla formazione e per questo motivo la scuola rappresenta il luogo fondamentale per affermare responsabilità individuali e collettive afferenti alla sostenibilità ambientale. Negli anni sono stati tanti i progetti portati avanti con le scuole e, per proseguire su questa strada, l’Amministrazione comunale ha adesso redatto un progetto ampio, lungo tre anni, pensato proprio con e per le scuole del territorio.
Il Progetto “Comunità sostenibile” persegue, quindi, l’obiettivo di supportare la crescita della nostra comunità attenta all’ambiente, in linea con l’obiettivo 11 dell’Agenda 2030 dell’ONU, a partire proprio dall’età dell’infanzia, fino all’età adulta. Il progetto, che terminerà nel 2025, ha lo scopo di creare responsabilità individuali e collettive per mettere in atto buone pratiche ambientali e partecipare così al grande processo in corso della transizione ecologica. Ulteriore scopo del progetto è quello di contribuire a far crescere una “coscienza civica” condivisa ed è quindi strategico inserire l’educazione ambientale nell’ambito più ampio dell’educazione civica scolastica.
Il progetto per le scuole vuole educare al rispetto dell’ambiente e ad un uso consapevole delle risorse, indirizzare verso un minor spreco e verso comportamenti sostenibili, oltre ad approfondire le tematiche legate all’emergenza climatica, stimolando azioni di reazione virtuose. Verranno quindi organizzati incontri con le e gli insegnanti per la presentazione del progetto e verrà fornita una formazione specifica. Il progetto prevede interventi teorici in classe, laboratori all’aria aperta creativi ed esperienziali, visite guidate ed un evento finale con le alunne e gli alunni.
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button