Comunicato di Laura Cutini sull’allarme siccità

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo integralmente un comunicato firmato da Laura Cutini, Capogruppo  di minoranza del Consiglio Provinciale, in merito al rischio siccità in Maremma:

“Gli allarmi siccità e la crisi nel sistema idrico sono il big-ben del nostro territorio, anzi potremmo rimettere le lancette degli orologi tanto sono puntuali le condizioni di emergenza nel corso dell’anno alternando fasi alluvionali a periodi di siccità.

Comprendo e sottoscrivo la denuncia e le grandi preoccupazioni dei settori agricoltura, come dichiarato dal presidente di CIA Rabazzi; allo stesso tempo ricordo come ogni anno chiediamo il sostegno alle istituzioni proponendo e sollecitando soluzioni che spesso rimangono sulle carte di relazioni e progetti.

In quante occasioni sono stati indicati recuperi delle acque denominate “di seconda mano?”. Continuiamo invece a buttare in mare centinaia di litri d’acqua in uscita dal depuratore e non si raccolgono, neppure in piccole quantità ad uso civile, le acque di pioggia.

Da alcuni giorni anche la disponibilità di acqua ad uso potabile è a rischio, tanto da far decidere alla società Acquedotto del Fiora la chiusura per alcune ore dell’erogazione.

La sospensione del flusso idrico notturno è un provvedimento che non veniva applicato da molti anni. Questo dimostra la criticità alla quale è arrivata la disponibilità della risorsa. Anche in questo caso, la percentuale di perdita dalla rete di distribuzione si mantiene elevata e ancora non sono state risolte le carenze strutturali dell’acquedotto, nonostante il D.Lgs. n°152/99 indicasse per l’anno 2008 il raggiungimento del requisito “sufficiente” con il recupero delle perdite in rete.

Il rischio maggiore è che se non si provvede velocemente ad invertire questo trend con interventi strutturali, il deficit idrico potrà rappresentare il limite di sviluppo economico (in questo periodo molto compromesso dalla crisi internazionale) per tre settori importanti della nostra provincia: turismo, agricoltura, industria.

Il ritardo con il quale sono state disattese norme come la legge regionale per l’emergenza idrica e il piano antisiccità ha prodotto e continua a produrre danni che segneranno forse la chiusura di alcune aziende. Dove sono finiti i programmi per la realizzazione degli invasi idrici pubblici e multifunzionali?

Confermo quanto dichiarato dall’assessore provinciale Rossi: quante volte, nelle commissioni provinciali, abbiamo affrontato il problema della risorsa idrica, abbiamo visionato progetti, valutato piani, abbiamo auspicato in quella destinazione risorse economiche per la nostra provincia indicate nella Delibera del Consiglio Regionale Toscano, che rendeva disponibili circa 3 milioni di euro per interventi di recupero delle acque, ma era l’anno 2005 e gli invasi sono ancora sulla carta.”

                                                                                     Laura Cutini

Capogruppo Gruppo Misto di minoranza Consiglio Provinciale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top