Pubblicato il: 7 Agosto 2019 alle 14:32

AttualitàGrossetoIn evidenza

Il Comune vara il Piano del verde: i pini di via Mascagni saranno sostituiti con i lecci

"L'obiettivo è, prioritariamente e necessariamente, quello di mettere in sicurezza un tratto di viabilità quale quello di Via Mascagni"

L’obiettivo è, prioritariamente e necessariamente, quello di mettere in sicurezza un tratto di viabilità quale quello di Via Mascagni, dove ogni anno, per circa 9 mesi, transita quasi tutta la gioventù di Grosseto, non solo in auto ma soprattutto con i motocicli“.

Queste le parole di Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto, nel presentare oggi il progetto complessivo del Comune sul verde pubblico.

Quel tratto collega la Cittadella dello Studente con il resto della città – prosegue il sindaco e non ci possiamo assolutamente permettere di avere un manto stradale così dissestato, segnato da troppi episodi drammatici. Per le caratteristiche dei mezzi usati dall’utenza, in massima parte giovanile, non è più procrastinabile l’intervento di adeguamento. Sfido chiunque a considerare meno prioritaria la scelta di difendere l’incolumità dei nostri ragazzi”.

Le radici dei pini posti lungo lo spartitraffico, con contrafforti affioranti, e la presenza di tronchi di alberature di grandi dimensioni a bordo corsia sono da considerarsi particolarmente pericolose: il progetto proposto su via Mascagni non è un intervento di riqualificazione del verde urbano, come altri, ma è essenzialmente un piano di messa in sicurezza di un tratto cittadino ad alto tasso di percorrenza.

I nostri uffici hanno sempre ascoltato i consigli dei cittadini e degli ordini professionali nella gestione del verde pubblico – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Riccardo Megale -. Il Comune ha stabilito come necessaria la redazione di un piano del verde, anche confrontandoci con i vari comitati. Su via Mascagni la soluzione più idonea è quella di sostituire i pini con i lecci. Dopo aver affidato la gara, i lavori partiranno presumibilmente a settembre, poichè, su indicazioni degli ornitologi, non possono scattare prima per non mettere a repentaglio le nidificazioni sugli alberi”.

“I comitati cittadini non hanno mai fornito ai nostri uffici un progetto alternativo a quello messo in piedi dal Comune per via Mascagni – continua Megale -. I lavori prevedono il rifacimento del manto stradale nel tratto compreso tra le due rotatorie della via, la sostituzione dei pini con lecci, che assorbono maggiormente l’anidride carbonica, e con altre varietà di piante, in modo da aumentare il numero degli alberi presenti. L’intervento durerà al massimo tre mesi ed avrà un costo per il Comune di 160mila euro. Non è possibile aumentare la superficie del’aiuola centrale, così come sostenuto dall’esperto interpellato dai comitati, perchè in questo modo la carreggiata si restringerebbe troppo così da violare il Codice della strada“.

L’amministrazione comunale di Grosseto ha varato operazioni di ricognizione del patrimonio verde, in particolare l’inventario delle alberature presenti in città e il censimento dei parchi: aspetti conoscitivi utili poi per definire il Piano complessivo di gestione del verde cittadino e per adeguare il patrimonio a quelle che sono le attuali esigenze dell’arredo urbano. Verranno, comunque, realizzati interventi singoli per mettere in sicurezza alcuni tratti di viabilità cittadina.

Il “Piano di gestione del verde“, oltre a censire il patrimonio cittadino, conterrà forme di monitoraggio e azioni per abbattere il livello di rischio. Individuerà, poi, la frequenza delle verifiche periodiche, in particolare per gli alberi in età matura o per quelle aree con un tasso di frequentazione elevato.

Vogliamo informare i cittadini e a coinvolgerli in percorsi partecipativi – continua il sindaco -. In passato sono stati commessi notevoli errori, preferendo il solo aspetto estetico: noi applicheremo le conoscenze maturate nel settore”.

Il Piano andrà oltre la mera sostituzione delle alberature e porterà ad un incremento complessivo del verde urbano: sarà efficace per massimizzare il ruolo della vegetazione urbana nella determinazione dei cosiddetti microclimi, per mitigare l’effetto “isola di calore”, per lo stoccaggio della Co2, per l’abbattimento della concentrazione di inquinanti, per la riduzione della velocità del vento e del consumo di energia. Possedere un verde urbano di qualità avrà effetti nella regolarizzazione del clima, nella gestione delle piogge violente, nella purificazione dell’acqua e nell’incremento della biodiversità.

A fine legislatura – conclude il sindacostileremo un vero e proprio ‘bilancio arboreo’ di fine mandato, dal quale dovrà emergere un incremento del numero dei soggetti alberati e un sostanziale svecchiamento del patrimonio arboreo comunale, anche in ottemperanza alla legge per cui ad ogni nato deve corrispondere la piantumazione di un albero”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su