Colline del Fiora

Progetto Bellezz@, il Comune di Sorano: “Anno molto importante per i beni culturali”

L’apposita commissione presso la Presidenza del Consiglio costituita per il bando pubblico <Bellezz@. Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati> ha assegnato 600 mila euro per il recupero della Rocca sulla base della richiesta avanzata nel maggio 2016 dal Comune di Sorano. In tutta Italia i progetti finanziati sono stati circa 250 per un importo complessivo di 150 milioni.

“Il finanziamento è davvero una buona notizia di fine anno e motivo di grande soddisfazione – sottolineano il sindaco Carla Benocci e il vice sindaco e assessore ai beni culturali Pierandrea Vanni – . Il Comune ha fatto presente da molto tempo nelle sedi competenti, dal Ministero dei Beni Culturali alla Soprintendenza di Siena, che ha predisposto un progetto di massima per un importo di 600 mila euro, la necessità di recuperare e valorizzare un bene carico di storia come la Rocca Aldobrandesca, in grave degrado, simbolo di Sovana.
Vogliamo ricordare anche il convegno che l’amministrazione comunale ha organizzato il 21 ottobre scorso a Sovana, con la fattiva collaborazione dell’Associazione SovanAperta che si è fatta ripetutamente portavoce della necessità di recuperare la Rocca, e ha rappresentato un’altra tappa di sensibilizzazione. A breve prenderemo contatti con la Soprintendenza di Siena per concordare il percorso da compiere e quanto altro necessario”.

Inoltre – aggiungono il sindaco e il vice sindaco -, vogliano ricordare che proprio a fine 2017 si è concluso il lungo contenzioso con un privato per la proprietà della Tomba Ildebranda, simbolo della necropoli etrusca di Sovana, attribuita definitivamente dalla corte d’appello di Firenze al Demanio statale come chiedeva il Comune. Stiamo poi lavorando per riportare a Sovana un’altra parte delle monete d’oro ritrovate a San Mamiliano e speriamo in buone novità al piu’ presto. E l’ufficio beni culturali del Comune sta pensando ad una possibile riqualificazione a fini museali del Palazzo del Pretorio. Infine non possiamo non sottolineare positivamente il grande sforzo della Curia Diocesana con interventi di notevole valore e importanza già compiuti nel Duomo di Sovana ai quali si aggiungono quelli in corso nella Chiesa di Santa Maria. Siamo grati al Vescovo e alla Curia per questo impegno.
Ci teniamo a sottolineare che un piccolo comune come il nostro e senza risorse  ha sempre cercato di fare, per la sua parte, tutto il possibile per tutelare e valorizzare il grande patrimonio storico, artistico e culturale presente nel territorio- E continuerà a farlo”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button