Costa d'argentoNotizie dagli Enti

5G, il Comune replica a Lanzillo: “Nessuna richiesta di autorizzazione, i lavori sono per la fibra ottica”

"Il Comune, come ha sempre fatto, provvederà a comunicare ai cittadini qualsiasi novità sulle infrastrutture immateriali del territorio"

Il Comune di Capalbio non ha ricevuto nessuna richiesta per la diffusione della rete 5G“.

Attraverso un comunicato, l’amministrazione comunale del paese maremmano replica al consigliere d’opposizione Valerio Lanzillo.

“Infatti, per procedere con l’installazione, il soggetto gestore deve inoltrare un’istanza al Suap, lo Sportello unico per le attività produttive, necessaria per acquisire tutti i pareri, tra cui quello di Arpat, cosa che fino ad oggi non è avvenuta, come spiegato dagli uffici venerdì scorso al consigliere Lanzillo – continua la nota -. Il soggetto gestore ha solo inoltrato all’ufficio paesaggistico richiesta di autorizzazione (art. 21 del D.Lgs. 42/2004) da inviare alla competente Soprintendenza, per ottenere l’autorizzazione del Ministero, per l’installazione di due piccole antenne, che si andrebbero ad aggiungere alle due esistenti, sul palazzo Collacchioni. Un’istanza che è stata prontamente sospesa dal responsabile dell’area tecnica del Comune di Capalbio poiché prodotta in assenza di titolo legittimante tale richiesta. L’amministrazione, proprietaria del Palazzo Collacchioni, infatti, non ha mai autorizzato il gestore alla realizzazione delle suddette trasformazioni”.

“I lavori in corso riguardano unicamente il potenziamento dell’attuale tecnologia, necessaria per lo sviluppo della connettività nel territorio, attraverso il collegamento con fibra ottica dalla centralina posta in prossimità park Nardi al momento collegata con un ponte radio. Per quanto riguarda l’opportunità di accogliere il 5G sul territorio, l’amministrazione rimanda al dibattito scientifico la discussione – termina il comunicato -. Il Comune, come ha sempre fatto, provvederà a comunicare ai cittadini qualsiasi novità sulle infrastrutture immateriali del territorio“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button