Pubblicato il: 19 Settembre 2019 alle 12:09

AmbienteColline Metallifere

Val di Farma, il comitato: “La miniera di Piloni danneggia la riserva naturale”

Lunedì 16 settembre, al Belagaio, nella riserva naturale della Val di Farma, si è tenuto un convegno sul futuro della riserva naturale

Lunedì 16 settembre, al Belagaio, nella riserva naturale della Val di Farma, si è tenuto un convegno sul futuro e le prospettive della riserva naturale, con interventi dei sindaci del territorio e dei presidenti dei principali parchi maremmani.

“Dopo un attento ascolto degli interventi proposti, abbiamo dovuto constatare con dispiacere che tutto il convegno era incentrato sul binomio sviluppo sostenibile e programmazione economica del parco, termini a nostro parere in contrasto tra loro – spiega in un comunicato il comitato Val di Farma -. L’espressione ‘sviluppo sostenibile’, è un ossimoro: se vi è uno sviluppo, esso non può essere sostenibile. ‘Sostenibile’ significa che l’attività umana non deve creare un consumo di risorse  – e un livello di inquinamento del territorio – superiore alla capacità di rigenerazione dell’ambiente, ma la parola ‘sviluppo’ è completamente differente e contraria alla sostenibilità. Si tratta di sfruttare e di trarre profitto dalle risorse naturali depauperandole. Ed è quello che è successo cinque mesi fa, ad aprile, nella riserva naturale del Belagaio, quando è stato effettuato un taglio indiscriminato, destinato alla produzione di legname per alimentare impianti a biomasse“.

“Niente di quello che è successo durante questa azione di ‘sfruttamento e sviluppo’ ha rispettato le linee guida e i motivi fondanti dell’esistenza stessa di una riserva naturale, ovvero il rispetto della natura in tutte le sue parti – continua il comitato –. Ma nessun intervento, tra quelli previsti durante il convegno, ha affrontato questo argomento per mettere a parte la comunità e capire come riparare al danno fatto. Il disboscamento si è verificato nel periodo di riproduzione di tutte le specie animali che nella riserva trovano il loro habitat, periodo in cui i tagli non si possono fare in qualsiasi bosco, figuriamoci in un’area protetta; inoltre, sono stati utilizzati mezzi non idonei, altamente impattanti e invasivi che hanno devastato il sopprassuolo e il sottobosco, il legname tagliato è stato cippato in loco, disturbando la fauna scampata all’aggressione. Quando l’abbiamo fatto presente al convegno, ci ha fatto piacere sentire Paolo Stefanini, responsabile delle aree protette per la provincia di Grosseto della Regione Toscana, riconoscere gli errori commessi, ammettere che il taglio del bosco del Belagaio è stato fatto in un periodo in cui non andava fatto e che non era stato assolutamente valutato l’impatto dei mezzi utilizzati; nonché comunicare che non saranno più concesse autorizzazioni al taglio con mezzi altamente impattanti”.

“Tuttavia non possiamo fare a meno di rimanere allibiti nel sentirgli dire che il bosco continuerà comunque ad essere tagliato per alimentare centrali a biomasse, in nome di una ‘economia mondiale’ che secondo lui evidentemente è un’economia superiore alla quale piegarsi con rassegnazione. Questa affermazione non può essere accettata – prosegue il comunicato -:
1. prima di tutto perché il bosco non può essere considerato fonte di energia ‘rinnovabile’, visto che non è risorsa in grado di rinnovarsi rispetto alla velocità di sfruttamento da parte dell’uomo;
2. in secondo luogo perché è criminale tagliare piante al fine di ricavare legname da incenerire e alimentare impianti pericolosi per l’ambiente e per la salute di tutti gli esseri viventi e , se vogliamo davvero invertire la rotta e intervenire positivamente sui cambiamenti climatici, dobbiamo necessariamente abbandonare l’idea di ‘bruciare’ gli alberi che invece sono in grado di assorbire la CO2 che tanto incombe sul nostro futuro. Ogni volta che bruciamo degli alberi attentiamo al futuro dei nostri figli”.

“Abbiamo apprezzato la proposta del Colonnello Giovanni Quilghini di rilanciare il bosco vetusto per contrastare il problema climatico, un’azione che però andrebbe estesa a tutte le foreste e i parchi ‘in pericolo’, giusta anche l’osservazione del consigliere regionale Marras che propone una gestione locale che coinvolga tutta la comunità, perché la Regione è fisicamente lontana da alcuni luoghi (però varrebbe la pena sottolineare che esiste la Comunità montana, a cui una volta il Comune di Roccastrada apparteneva e che ha abbandonato, che ha deciso in merito al taglio scellerato). Auspichiamo che le parole conclusive di Marras relative alla necessità di rivedere il Piano di gestione forestale si realizzino presto e che, soprattutto, tale revisione venga fatta dando voce anche ai comitati – sottolinea il comitato -. Da tutto ciò emerge quanto sia importante avere una visione molto più ampia e considerare le riserve naturali e le aree protette parte integrante di un territorio che va difeso e salvaguardato dallo sfruttamento. Gli enti preposti alla tutela, salvaguardia e difesa dei beni ambientali, beni comuni dovrebbero dovrebbero avere la capacità di prefigurarsi scenari futuri, quando lo sfruttamento economico e lo sviluppo sostenibile avranno depauperato il patrimonio boschivo, flora e fauna e la tanto decantata biodiversità“.

“A questo proposito, proprio perché gli amministratori devono avere una visione di insieme, vogliamo ricordare che se si vuole preservare la Val di Farma, i suoi boschi, i suoi torrenti e i suoi fiumi con biodiversità annessa, bisognerà valutare attentamente tutte quelle attività che possono ancora avere effetti negativi e ricadute sulla riserva naturale – prosegue la nota -. Ci riferiamo in particolare alla miniera a cielo aperto dei Piloni, che a partire dal 2003 ha provocato non pochi problemi riversando nel Rigualdo e poi nel Farma le argille che hanno provocato mutamenti nella flora fluviale e compromesso la qualità delle acque (ricordiamo che il Farma è uno dei bacini acquiferi più importanti della nostra zona). Come certamente sapranno i partecipanti al convegno, la ditta titolare dell’attività ha presentato istanza di proroga della concessione chiedendo di sfruttare la miniera per ulteriori 20 anni nel tentativo di conciliare, ancora una volta, come nel 1999, attività estrattiva e ricezione turistica, scelta che si è rivelata fallimentare 20 anni fa e che rischia di ripetersi“.

“La nostra domanda è: che cosa hanno intenzione di fare e dire non solo gli amministratori, ma anche coloro che si occupano di ambiente, riserve naturali, aree protette, paladini della natura? Continueranno a concepire la tutela di un’area come qualcosa di chiuso, a se stante, e guardare con noncuranza ciò che avviene a pochi metri nella zona vicina – termina il comunicato? Siamo in attesa che chi amministra il territorio decida anche di prendersene cura prima che sia troppo tardi“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su