Ambiente

Gessi rossi alla Bartolina: il comitato Bruna chiama alla mobilitazione del territorio

Riguardo al problema dei gessi rossi, è ormai chiaro il disegno di alcuni di lasciare il ‘cerino’ alla Bartolina e al suo territorio”.

A dichiararlo, in un comunicato, è Massimiliano Emiliani, presidente del comitato Bruna.

“Gli strateghi di questo progetto scellerato si mettono così in una posizione win-win; se riusciranno avranno vinto, se perderanno, daranno la colpa a noi della crisi del Casone, evitando così le responsabilità di chi, in 25 anni, ha fatto finta di nulla, senza cercare soluzioni, sottoscrivendo vuoti impegni solenni al riciclo del rifiuto, o a nuove soluzioni, impegni mai perseguiti nella realtà. Eppure, le soluzioni diverse dalle cave ci sono, basta un po’ di volontà e spendere un po’ di più – continua la nota -. Dopo il ricorso del ‘90, e dopo il dibattito pubblico del ‘17, la Bartolina e la sua falda, dall’Accesa alle spiagge, saranno nuovamente e strenuamente difese. Invitiamo preliminarmente gli abitanti di Gavorrano, Roccastrada, Grosseto e Castiglione, a leggere i documenti sui gessi rossi dal sito del Parlamento italiano. Dopo, se vorrete, seguiteci e appoggiateci nelle molte iniziative che andremo ad organizzare!“.

“Ma, prima di tutto, informatevi. In particolare, leggete alla pag. 19 (165), si evidenzia come la falda a Montioni sia cambiata dopo 15 anni:Anche quest’ultimo monitoraggio (Arpat) conferma quanto accertato con i precedenti monitoraggi, e cioè che i gessi rossi stanno provocando l’inquinamento della falda e delle acque superficiali, causato dalle sostanze in essi presenti, quali appunto solfati, cloruri, ferro, manganese e cromo’ – continua il comitato . http://documenti.camera.it/leg18/resoconti/commissioni/bollettini/pdf/2021/03/24/leg.18.bol0555.data20210324.com39.pdf. Leggete poi i dati delle analisi dei gessi rossi dei Carabinieri del Noe, alle pag. 9 e 10, con il superamento dei limiti di legge. A Scarlino ‘…cloruri, berillio, cobalto, cromo totale, cromo esavalente cinque volte superiore al limite, vanadio…’ Negli ammendanti agricoli: ‘…cromo esavalente sei volte il limite…’ Nella cava di Montioni: ‘…nichel, cloruri, floruri e solfati, antimonio, arsenico, mercurio e vanadio…’ https://parlamento18.camera.it/application/xmanager/projects/parlamento18/attachments/auditi_pdf/pdfs/000/000/572/Rif_MB_20200219_04_Noe_e_Forestale.pdf. Se questo preoccupante scenario dovesse ripetersi alla Bartolina, cosa accadrebbe alla vita dei residenti? E cosa sarebbe delle centinaia di aziende agricole?  E gli orti, i distretti biologici, i frutteti e oliveti esistenti e in costruzione? E cosa sarebbe del turismo, e dell’immagine di questa parte della Maremma? Sono migliaia di addetti, e il fatturato è tutto in Maremma, al contrario di quello delle industrie”.

“Ma soprattutto, cosa sarebbe di ambiente e acqua, che appartengono a tutti noi, mentre, non ce ne voglia, la fabbrica appartiene ad un fondo di investimento americano? Perché vogliamo correre questo rischio? Mettere insieme un sito così fragile e importante, come la Bartolina sul Bruna, con un rifiuto che può inquinare a contatto con l’acqua, potrebbe essere un errore fatale, definitivo per il futuro di tutti. Se necessario, agiremo subito, a Roma, a Grosseto, a Firenze e a Bruxelles, ma siamo sicuri che tutti insieme spiegheremo le nostre ragioni, ancora una volta. Il Bruna è un comitato apartitico – conclude il presidente Massimo Emiliani, ma, come è noto, io sono iscritto al Pd e mi appello al mio partito. Ci siamo visti lunedì, ma davvero Giacomo Termine ti lasceresti trascinare in questo suicidio ambientale e politico? Il Bruna non è solo Ribolla, Giuncarico, Braccagni, Grosseto, è soprattutto Castiglione, la sua acqua, il suo turismo…  I castiglionesi in autunno sapranno giudicare”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button