Home Colline Metallifere Città Visibile: una tavola rotonda per discutere dei recuperi architettonici del Comune di Massa Marittima

Città Visibile: una tavola rotonda per discutere dei recuperi architettonici del Comune di Massa Marittima

di Cristina Zammataro
0 commento 0 views

Prosegue “La  Città Partecipata”, la rassegna culturale di Massa Marittima all’interno della  manifestazione “La Città Visibile 2012”. Una città che partecipa con le sue  forme di creatività aperta all’immaginazione di chiunque abbia un’idea. Un’idea  di chi che vede il proprio  paesaggio urbano come frutto della trasformazioni che lo hanno  attraversato ed che ha una visione di come lo  vorrebbe per il futuro. E’ così che la  città torna a parlare dell’evoluzione del suo territorio, con un evento in  programma per sabato 13 ottobre alle 15 al Palazzo dell’Abbondanza e con i  murales realizzati dagli studenti delle scuole massetane, inaugurati pochi  giorni fa e visibili a tutti, sui muri esterni dei due istituti cittadini. “Gli  interventi di restauro-recupero tra tutela e valorizzazione” è il titolo della  tavola rotonda organizzata per domani, con un confronto dedicato  ai recuperi architettonici più importanti realizzati negli ultimi anni  all’interno del tessuto urbano di Massa Marittima e delle sue frazioni: dalla sistemazione delle mura  medievali, all’adeguamento del mattatoio comunale, fino a due interventi molto  significativi per il territorio.

 Sono il recupero di alcuni edifici dismessi sin  dalla chiusura delle miniere, trasformati oggi in un centro documentazione e  studi con annesso ostello-foresteria, e quello del Palazzo dell’Abbondanza, un  edificio che dal 1265 che fu granaio pubblico in tempi di carestia, poi “Salone  delle Commedie”, teatro ottocentesco, cinema e centro commerciale fino alla  restituzione al pubblico nel 2007 come sala mostre e  convegni.

La  tavola rotonda sarà introdotta della curatrice dell’evento, l’architetto del  Comune di Massa Marittima Sabrina Martinozzi; saranno presenti rappresentanti  dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Grosseto, il Sindaco del Comune  di Massa Marittima Lidia Bai ed i progettisti dei recuperi, che illustreranno i  principali passaggi degli interventi e gli effetti che questi hanno prodotto sul  tessuto sociale e urbano della città.

Al termine del convegno si terrà la  premiazione del concorso d’idee “Luoghi abitati” per la valorizzazione del  percorso urbano tra Via Moncini e la Torre del Candeliere organizzato  dall’associazione culturale Art@ltro, con la  collaborazione dell’associazione culturale Iride. Il  concorso vede i contributi di tutti coloro che hanno presentato le proprie idee  per il miglioramento del percorso pedonale che dalla parte bassa del paese sale  all’alto centro storico. Per chi prima o dopo il convegno voglia poi osservare i  contributi artistici realizzati dagli allievi dell’Istituto  d’Istruzione superiore “B. Lotti” e della Scuola media “Don Curzio Breschi”, nei  cortili dei due edifici, si possono visitare i murales realizzati dai ragazzi  con le loro idee su ciò che Massa Marittima rappresenta per loro e su come la  vorrebbero. I disegni su parete sono stati inaugurati pochi giorni fa  dall’Assessore all’Istruzione Luana Tommi, dai dirigenti scolastici delle  strutture formative e da docenti, artisti e ragazzi, coinvolti nel progetto. Le  opere sono state realizzate anche grazie al contributo dell’azienda Huntsman che  ha fornito le bombolette spray colorate con cui sono stati dipinti i murales,  agli artisti  Riccardo Carresi e  Silvia Montomoli che hanno seguito il lavoro nelle diverse fasi e naturalmente  in modo particolare ai ragazzi e le ragazze dei due istituti che hanno dipinto i  murales, in rappresentanza della scuola e di tutti i compagni. Loro sono Damiano  Magini, Andrea Michelini, Francesca Peverini, Anna Vinciarelli, Teresa  Franceschi, Amanda de Sol Capote per le classi terze della scuola media e   Fiammetta Mattafirri, Daniele  Ducci, Luca d’Ambrosio, Giulia Serusi, Edoardo Bronzi, Irene Conedera per la  scuola superiore. Entusiasti del progetto realizzato molti studenti si sono  dimostrati interessati a proseguire il progetto della Street Art.  L’inaugurazione delle opere è stata arricchita anche dalla street dance  organizzata dalla scuola di danza Danz Art di Massa Marittima.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy