Pubblicato il: 4 Agosto 2017 alle 18:32

AttualitàGrosseto

Giovani stilisti maremmani ed ex Mabro, nasce una collaborazione: “Progetto innovativo”

Negli ultimi giorni, sul territorio grossetano, è stato concluso un progetto di start up rivolto ai giovani talenti del mondo della moda “Made in Italy”. L’unione nasce tra il gruppo imprenditoriale, guidato da Antongiulio Pacenti, che ha rilevato la ex Mabro, ed un gruppo di stilisti locali, giovani professionisti e laureati di altissimo stand.

Il progetto è nato alcuni mesi fa, sino a diventare oggi una effettiva realtà di sbocco lavorativo nel mondo della moda grazie alla disponibilità dimostrata sin da subito da Antongiulio Pacenti, che ha visto nei lavori dei ragazzi le competenze necessarie che, unite agli accordi commerciali con i grandi marchi, diverranno l’innovazione necessaria al rilancio del marchio Mabro.

La dottoressa Valentina Ciacci ed il dottor Alessandro Porro hanno dato vita al progetto embrionale sulla moda che è diventato oggi concreto grazie al collegamento con la ex Mabro. I ragazzi saranno inseriti nel circuito produttivo e commerciale del gruppo imprenditoriale e avranno la possibilità di misurarsi con le grandi griffes del Made in Italy. È un percorso che unisce giovani talenti, ricerca e innovazione dei processi e dei materiali, sessioni formative con esponenti di spicco dell’arte sartoriale italiana e valorizzazione del patrimonio artigianale italiano.

Dopo una serie di incontri con Pacenti si è arrivati a definire, senza alcuna difficoltà, grazie alle condivise prospettive di Mabro sul territorio, un workprogramme congiunto da attivare non appena l’azienda sarà messa in condizione di poter aprire i cancelli del proprio capannone. La start up diverrà parte integrante dell’organigramma Mabro, dando vita ad un progetto innovativo sul territorio maremmano, coniugando tradizione ed innovazione.

“Nel gruppo di Pacenti abbiamo trovato lo stesso nostro interesse nello sviluppo industriale del nostro territorio e la volontà di non sradicare una delle radici artigianali della nostra terra e portare prodotti di eccellenza nelle boutique di tutto il mondo, tutelando la ricchezza del patrimonio umano che già Mabro impiegava e aprendo le porte al futuro grazie a questi ragazzi che rappresentano il cuore pulsante della nuova imprenditoria della moda, ma che hanno trovato un territorio ostile allo sviluppo delle loro professionalità altamente qualificate – spiega Valentina Ciacci -. Grosseto è stata tra gli attori più importanti del Made in Italy e deve tornare ad essere tale anche per sostenere i giovani talenti che nascono, crescono, studiano e decidono di non andarsene dalla nostra terra e per fare questo serve la collaborazione di tutti“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su