Scuola

Scuola, Cobas: “Malgrado gli schiaffoni elettorali, Renzi vuole portare a termine la riforma”

Gli schiaffoni elettorali affibbiati a Renzi, al suo Governo e al Pd hanno molte motivazioni, ma quella prevalente attiene, a parere generale, alle politiche neoliberiste del Governo nei confronti del lavoro e ancor più all’attacco sferrato stoltamente contro tutto il mondo della scuola: un attacco così violento da aver provocato il 5 maggio il più grande e unitario sciopero generale della scuola di sempre, evento che si ripeterà nei prossimi giorni con il plebiscitario sciopero degli scrutini che, partito dai Cobas, ha coinvolto tutte (anche questo è un fatto senza precedenti) le organizzazioni sindacali – dichiara Giuseppe Follino, portavoce scuola Cobas di Grosseto -. E tra questi due eventi gli scioperi contro i quiz Invalsi, promossi dai Cobas, hanno visto la straordinaria partecipazione dei genitori, che hanno lasciato a casa i propri figli alle elementari il 6 e il 7 maggi, e degli studenti il 12 maggio ed hanno annullato un terzo delle prove a base di indovinelli”.

Di fronte a questa plebiscitaria opposizione e ai negativi risultati elettorali, che poi sono la vera preoccupazione per chi ha il potere come unica bussola dell’agire politico, qualsiasi leader politico o governo farebbe marcia indietro e, nello specifico, abbandonerebbe la catastrofica idea di consegnare le scuole a dei presidi-padroni secondo il pessimo modello aziendale alla Marchionne, con ‘un uomo solo al comando – continua Follino: ma, per il momento, non sembrerebbe che questa elementare ‘saggezza’ stia emergendo nel Governo Renzi. Dunque, sarà decisiva l’estensione unitaria della protesta che bloccherà gli scrutini in tutta Italia, richiedendo il ritiro del Ddl e l’emanazione di un decreto per l’assunzione stabile dei precari, secondo quanto indicato dalla Corte di giustizia europea”.

I Cobas hanno convocato lo sciopero degli scrutini, escludendo le classi ‘terminali’, per due giorni consecutivi, a partire da quello seguente la fine delle lezioni, l’11 e il 12 giugno per la Toscana. Ogni docente potrà scioperare la prima ora di ogni suo scrutinio e sarà sufficiente lo sciopero di un solo docente per farlo rinviare. La trattenuta sarà oraria ed i comitati e le assemblee di sciopero unitari, che si sono costituiti, faranno in modo che l’onere sia ripartito tra il maggior numero di docenti – spiega il portavoce -. Va tenuto conto, però, che in alcune scuole i presidi hanno preso l’illegittima e anti-didattica decisione di fare scrutini prima della conclusione delle lezioni. Stante che le vie legali non avrebbero la tempestività necessaria per intervenire, anche in questo caso lo sciopero è comunque coperto, grazie alla modalità di convocazione dello sciopero di Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda, che consente lo sciopero orario, in ogni classe, nei primi due giorni di effettuazione degli scrutini nella singola scuola”.

Infine, il 5 giugno in tutta Italia il blocco degli scrutini verrà accompagnato da manifestazioni, cortei, spettacoli, feste, giochi e intrattenimenti contro la ‘cattiva scuola’ renziana, i presidi padroni, i quiz e per il ritiro del Ddl – conclude Follino -. A Grosseto nessuna manifestazione, ma un gruppo di colleghi, con la partecipazione di tutti i sindacati che hanno promosso gli scioperi, si ritrova insieme a cittadini e studenti alle 19 in piazza Dante per un’apericena in difesa della scuola pubblica. Tutti con maglietta rossa e libro in mano”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button