FollonicaPolitica

Tari, la coalizione Di Giacinto replica a Benini: “Non accettiamo critiche da chi ha causato disastro”

"Non è vero che la Tari non è aumentata"

Non è vero che la Tari non è aumentata“.

La coalizione dei partiti e dei movimenti (Lega, lista civica Massimo Di Giacinto, Fratelli d’Italia, Forza Italia – In Movimento per Follonica, Follonica nel Cuore) che sostengono la candidatura di Massimo Di Giacinto a sindaco di Follonica replica ad Andrea Benini, candidato del centrosinistra.

“I cittadini hanno ben visto che la bolletta del novembre 2019 aveva già registrato un aumento di quasi il 10%, poi replicato nelle tre rate del 2020 (giugno, luglio e settembre), che sono arrivate in questi giorni nelle case dei follonichesi. Il tutto per decisioni prese dell’Ato (assemblea dei Comuni) nel 2019. Assemblee disertate da Benini e dal suo rappresentante designato, l’ex assessore Giorgieri – continua la nota. Il tentativo, nella goffa replica dell’ex sindaco, di insinuare che l’aumento sia dovuto ad interessi per la dilazione di pagamento delle rate è un vero e proprio falso. Primo perché, per adesso, è stata rimandata la sola rata di aprile 2020, ad inizio giugno, secondo perché non ci sono costi di dilazione in bolletta“.

“Benini sta cercando di arrampicarsi sugli specchi dicendo cose non vere. Ma c’è di più. La smetta Benini di chiedere al Commissario di darsi da fare sulla Tari: sappiamo tutti quanti, molto bene, che da oltre 10 giorni, ben prima del suo appello, il Commissario ha esposto agli organi preposti, con decisione, le necessità del Comune di Follonica circa la rimodulazione della tassa e le necessarie esenzioni per i settori più colpiti da questa emergenza, relativamente al periodo di chiusura forzata. Pertanto Benini la faccia finita di cercare di prendersi meriti che non saranno suoi, anticipando quello che il Commissario sta facendo. I cittadini di Follonica sono stanchi delle sue chiacchiere dopo aver visto, con i loro occhi, gli aumenti in bolletta – termina il comunicato -. La difficile fase che stiamo vivendo ha bisogno di verità e sta smascherando tutti gli errori del passato con pesanti ricadute economiche sulle famiglie e le imprese. E’ innegabile che il ciclo dei rifiuti del nostro territorio ha prodotto una delle tasse più salate d’Italia. Il cambiamento non può essere affrontato da chi ha combinato questo disastro“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button