Cronaca

Circola con la targa straniera per non pagare bollo e assicurazione: primo furbetto pizzicato

Tempi duri per tutti quelli che, anche se da anni in Italia, guidano una macchina targata all’estero per eludere il fisco e non pagare né bollo né assicurazione. Infatti, con le modifiche recentemente apportate al Codice della Strada chi risiede in Italia da più di sessanta giorni, salvo particolari situazioni, non può circolare con un veicolo immatricolato all’estero. La Polstrada della Toscana ha subito attivato il reticolo sulle principali arterie della regione per intercettare i furbetti della targa straniera.

A Follonica, una pattuglia del Distaccamento di Massa Marittima ha fermato un albanese di 42 anni che, pur residente da tempo nel grossetano, guidava una grossa Mercedes con ancora la targa del suo paese di origine. Per lui è scattata una multa di oltre 700 euro e il sequestro del veicolo. Lui, peraltro, aveva anche bevuto parecchio e i poliziotti, dopo la prova con l’etilometro, lo hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza.

Se non vuole vedersi confiscata l’auto, all’uomo non resta che andare in motorizzazione e chiedere una targa italiana oppure chiedere un foglio di via per essere autorizzato a condurre il veicolo oltre il confine italiano.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su