CineVisioni: la recensione de Gli Incredibili 2

In programmazione a Grosseto – The Space Cinema ed Aurelia Antica Multisala

Elastigirl e Mr. Incredibile sono intenti a fermare il Minatore dallo svaligiare la banca di Metroville, mentre chiedono ai figli Violetta e Flash di badare al fratellino Jack-Jack. Presa da un attacco di frustrazione dovuto al compito che le era stato dato dai genitori, Violetta si leva la maschera rivelando la sua identità a Tony Rydinger, un ragazzo con cui aveva un appuntamento.

Nel frattempo, nel tentativo di fermare il Minatore, gli Incredibili, aiutati anche da Siberius, provocano ingenti danni all’arredo urbano e all’arrivo della polizia vengono arrestati senza aver potuto sventare l’attacco alla banca. Una volta rilasciati vengono informati della sospensione del programma di protezione governativo e vengono portati in un Motel, dove promettono di abbandonare per sempre la loro vita da Super.

Inoltre Dicker, informato da Mr. Incredibile dell’incidente tra Violetta e Tony, cancella la memoria di quest’ultimo. Quella sera Lucius informa Bob e Helen di un’offerta presentatagli da un certo Winston Deavor, un fanatico di supereroi proprietario di un’azienda di telecomunicazioni chiamata DevTech. Winston, insieme alla sorella Evelyn, propone di far pubblicità ai Supereroi per far riconquistare la loro fiducia alla cittadinanza, facendo vedere ciò che i Super vedono durante le loro battaglie, dotandoli quindi di microcamere.

Gli Incredibili 2 riparte da Brad Bird, regista del primo Gli Incredibili e sucessivamente di Ratatouille, lavori che gli sono valsi due premi Oscar. Come negli altri due casi citati, anche in Gli Incredibili 2 Bird firma anche soggetto e sceneggiatura.

Innegabile l’attesa del pubblico per questo secondo capitolo, che sebbene costato 200 milioni di dollari, si è rivelato facile gallina dalle uova d’oro, incassando sinora 1,2 miliardi di dollari. Altrettanto ovvio, quindi, che a tale entusiasmo si associno aspettative molto alte.

Bird ce la mette tutta per consegnare agli appassionati un lavoro degno sia dell’originale che del suo curriculum, cooptando anche stavolta un cast di doppiatori d’eccezione. In Italia, ovviamente, si ripete il costume per cui il parterre di voci risulta per nulla all’altezza della compagine oltreoceano. Curioso il caso di Isabella Rossellini, che doppia l’ambasciatrice sia nella versione originale che in quella italiana.

Gli Incredibili 2 ha subito il sapore di un buon prodotto, curato e tecnicamente ineccepibile. Ma dopo 15 minuti si ha la netta sensazione che sappiamo già dove la trama andrà a parare e poco dopo la conferma dell’assoluta prevedibilità. Inoltre il cattivo non è così riuscito, così come i nuovi personaggi. Se però si evitano i confronti con l’originale, il film risulta complessivamente gradevole.

Una piccola nota: alcune scene fanno uso di luci ed effetti lampeggianti. Se avete bambini fotosensibili, prestate attenzione.

Ci sono voluti 14 anni per il seguito de Gli Incredibili ed il risultato è ancora una volta un lavoro molto professionale da parte della Pixar. Il film è godibile per i più giovani, così come ricco di ricordi per i più grandi. Ma se cercate qualcosa di Incredibile qui non lo troverete affatto.

Leggi tutte le recensioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top