Colline MetallifereCucina

Chef Shady su RaiUno nella sfida finale de “La prova del cuoco”

Il compito di aprire la nuova settimana de “La prova del cuoco” spetterà a chef Shady Hasbun, che ripartirà dall’en-plein di consensi ottenuto nella sua ultima partecipazione al programma di RaiUno.

Lunedì 21 gennaio, il cuoco originario di Massa Marittima porterà le proprie competenze al fianco dei concorrenti della sfida conclusiva della trasmissione condotta da Elisa Isoardi, accompagnando i telespettatori attraverso tutte le fasi di realizzazione di una ricetta, dall’ideazione all’impiattamento.

Inserito tra i maestri di cucina del cast di questa edizione de “La prova del cuoco”, chef Shady tornerà su RaiUno a dieci giorni dalla sua ultima apparizione, quando meritò la vittoria della puntata con due piatti creativi e colorati. Una pasta tradizionale pugliese fatta a mano dalla sua compagna di squadra come i fricelli abbinati con funghi, prosciutto e panna, oltre alle scaloppine con spinacine, caciotta e sciroppo di fichi con noci, sono state le ricette che hanno raccolto unanimi consensi dai tre giudici presenti in studio (lo chef stellato Errico Recanati, l’esperta gastronomica Paola Gula e la cantante Manuela Villa), con il maremmano che ha così contribuito alla vittoria del “Pomodoro rosso” sugli avversari del “Peperone verde”.

Nella realizzazione di ogni piatto, chef Shady si è fatto apprezzare anche per il bagaglio di conoscenze e aneddoti legati all’utilizzo dei singoli ingredienti, portando così un ulteriore arricchimento alla trasmissione. Nella mattina del 21 gennaio, oltre alla gara, aprirà la sua partecipazione a “La prova del cuoco” tenendo una rubrica in cui dovrà illustrare la preparazione di un dolce rapido, semplice e in grado di sorprendere, sostenuto dalla professionalità di Isoardi con cui, di puntata in puntata, è protagonista anche di simpatici scambi di battute.

«“La prova del cuoco” – commenta chef Shady è un concentrato di creatività, improvvisazione e fantasia in cui ho l’orgoglio e il piacere di portare il mio contributo attraverso il coinvolgimento nella gara finale e in rubriche a tema».

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button