Pubblicato il: 29 Ottobre 2019 alle 10:50

AmiataScuola

Santa Fiora ricorda Andrea Camilleri: tanti studenti alla cerimonia a teatro

Andrea Camilleri era cittadino onorario di Santa Fiora, aveva casa a Bagnolo, dove trascorreva lunghi soggiorni

Ieri, il Comune di Santa Fiora ha promosso un’iniziativa pubblica, con la partecipazione di tutte le classi quarte e quinte delle scuole superiori dell’Amiata grossetana, per ricordare lo scrittore Andrea Camilleri, a pochi mesi dalla sua scomparsa, avvenuta il 17 luglio scorso.

La commemorazione si è svolta al teatro comunale a lui intitolato. Andrea Camilleri era cittadino onorario di Santa Fiora, aveva casa a Bagnolo, dove trascorreva lunghi soggiorni. Il suo legame con la comunità amiatina è stato suggellato nel 2017, con la scelta del Comune di intitolargli il teatro. Una decisione che Camilleri aveva molto gradito commentandola così: “Finalmente si è realizzato il mio sogno: per tutta la vita ho desiderato avere un teatro e ora ne ho uno intestato a me“.

Alla commemorazione hanno partecipato il dirigente scolastico del Polo Amiata Ovest Cristiano Palla; la docente Simona Morelli, in rappresentanza del dirigente scolastico Barbara Rosini. Per il Comune di Santa Fiora sono intervenuti il sindaco, Federico Balocchi, il consigliere comunale con delega alla cultura, Luciano Luciani, e Isabella Dessalvi per la Fondazione Santa Fiora Cultura.

Gli studenti hanno seguito con grande interesse la proiezione del video di “Conversazione su Tiresia“, considerato il testamento spirituale di Camilleri. Lo spettacolo scritto e interpretato da Andrea Camilleri è andato in scena l’11 giugno 2018 al Teatro Greco di Siracusa.

Lo scrittore siciliano è stato poi ricordato attraverso alcune interviste che aveva rilasciato per il mensile MicroMega. Durante l’incontro i ragazzi sono stati stimolati alla riflessione sui messaggi educativi lanciati da Camilleri.

I familiari dello scrittore, che non hanno potuto prendere parte all’iniziativa, hanno inviato una lettera di ringraziamento all’amministrazione comunale, alle istituzioni scolastiche e agli studenti, sottolineando che Camilleri avrebbe gradito molto, poiché “Conversazione su Tiresia” è stata scritta pensando ai giovani.

È stata una giornata densa e commovente – afferma Luciano Luciani, consigliere comunale di Santa Fiora con delega alla cultura – per l’intensità della partecipazione di tutti i presenti. Ma soprattutto è stata una giornata di scuola, di importanti riflessioni sui pensieri e sui concetti espressi da un uomo di grande spessore civile e culturale che era Camilleri, a ragione considerato tra i più importanti esponenti della cultura italiana del Novecento e di questo inizio secondo millennio”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su