Pubblicato il: 3 Aprile 2013 alle 16:30

Castiglione della Pescaia

Castiglione: il Comune incontra gli operatori turistici per illustrare la tassa di soggiorno. Rotoloni: “Appuntamento importante per comprendere e semplificare le procedure”

Si è svolto nella sala del Consiglio del Comune di Castiglione della Pescaia un incontro tra il sindaco Giancarlo Farnetani, gli assessori Pier Paolo Rotoloni e Federico Mazzarello e i rappresentanti delle strutture ricettive della località marittima per discutere dell’imminente introduzione dell’imposta di soggiorno.

Si è trattato di un appuntamento importante e molto atteso da coloro che dovranno pagare questa tassa e dai soggetti coinvolti nell’iniziativa intrapresa dall’amministrazione comunale: le strutture ricettive, le agenzie immobiliari e i privati cittadini che affittano immobili ad uso turistico.

A questo proposito, è stata illustrata la modulistica da compilare per il pagamento e la documentazione necessaria per le esenzioni, oltre a quella da utilizzare nel caso in cui un turista si rifiutasse di versare l’importo richiesto. L’incontro ha rappresentato l’occasione per fare chiarezza su alcuni dei punti fondamentali della nuova imposta, ma anche per recepire le osservazioni dei cittadini.

Abbiamo cercato di semplificare al massimo le procedure – spiega l’assessore al turismo, Pier Paolo Rotoloniin merito a due dei punti fondamentali sollevati dagli operatori turistici: le modalità per la registrazione delle presenze a cavallo di due mesi e la tempistica da seguire per i pagamenti”.

“Abbiamo inoltre illustrato il Piano di sviluppo per il turismo che prevede la realizzazione del ‘Pacchetto accoglienza’continua Rotoloni: un progetto finalizzato a concretizzare una serie di agevolazioni per i turisti che vogliono scoprire il nostro territorio. Tra pochi giorni, sarà on line sul sito del nostro Comune la modulistica necessaria agli esercenti. Per quanto riguarda le tariffe, quelle di Castiglione risultano essere le più basse rispetto ai comuni limitrofi: per gli alberghi ad una e due stelle dovranno essere versati 0,50 euro; per quelli a tre stelle 0,80 euro, per i quattro stelle 1 euro e per i cinque stelle 2 euro. Chi alloggia in Rta, Cav, residence, case per ferie e residenze d’epoca dovrà pagare 1 euro, mentre per gli affittacamere, i bed and breakfast e le foresterie si dovrà corrispondere 0,80 euro. Per chi soggiorna nei villaggi turistici la quota è di 0,10 euro, mentre per chi trascorrerà le vacanze in campeggi, in aree di sosta e in parchi vacanze la tassa è di 0,35 euro”.

Per gli agriturismi la tassa è di 0,50 euro, così come per le strutture ricettive extra-alberghiere con le caratteristiche della civile abitazione. Tutte queste aliquote saranno in vigore dal 2013 al 2015 e si applicheranno solamente nei mesi che vanno da aprile a settembre. Per il 2013 – conclude Rotoloni -, le aliquote si applicheranno dal primo maggio e saranno riferite alla presenza per ogni giorno di soggiorno”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su