GrossetoPolitica

Spaccio di fronte alla scuola materna, CasaPound: “Situazione insostenibile, il Comune intervenga”

Ormai da tempo, troppo secondo noi, alcune aree della città di Grosseto sono diventate zone franche di degrado sociale, dove lo spaccio ed il consumo di stupefacenti sono ormai una routine alla quale sembra ci si debba assuefare“.

A dichiararlo, in un comunicato, è CasaPound Grosseto.

“Non è possibile però assuefarsi al degrado quando questo imperversa di fronte agli occhi dei bambini. Questo succede quotidianamente in via della Saracina, dove c’è un asilo di fronte al quale spaccio e consumo avvengono alla luce del sole, sotto gli occhi di tutti, bambini compresi, senza che nessuno faccia niente. Una situazione diventata insostenibile, genitori che denunciano, troppe le segnalazioni per potersi trincerare dietro il classico scaricabarile all’italiana – continua CasaPound -. L’edificio in costruzione ubicato nei pressi della scuola materna, a seguito del fallimento della cooperativa costruttrice, è diventato nel tempo il quartier generale della criminalità, per lo più straniera, dove giorno e notte trovano riparo spacciatori, consumatori e delinquenti di ogni sorta. Sull’edificio in questione c’è una procedura giudiziaria in corso, è di fatto intoccabile. L’amministrazione comunale, tuttavia, può e deve farsi carico del problema per ciò che riguarda la sue competenze in ambito di sicurezza pubblica“.

Ad intervenire sull’argomento e proponendo una possibile soluzione è il consigliere comunale di CasaPound, Gino Tornusciolo: “In attesa che l’iter giudiziario sugli immobili faccia il suo corso, le zone limitrofe a questi stabili devono essere messe in sicurezza, soprattutto i luoghi sensibili come quello della scuola materna. In attesa anche, che il nuovo Governo provveda a stanziare i fondi necessari per il rimpatrio degli extracomunitari che delinquono – spiega Tornusciolo –, per arginare il problema sarebbe utile almeno rendere inaccessibili gli spazi che questi si conquistano senza neanche troppa fatica. Potrebbe essere temporaneamente risolutoria la costruzione di un muro in cemento prefabbricato intorno al perimetro dell’area che si affaccia sulla scuola materna“.

In merito a questa proposta, il consigliere ha già preso contatti con l’assessore ai lavori pubblici e nel corso della prossima settimana sarà effettuato un sopralluogo congiunto per cercare una soluzione di immediata fattibilità.

https://www.facebook.com/ginotornusciolo/videos/1797220850328007/

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button