AttualitàGrosseto

Carlo Vellutini vince anche in Corte d’Appello contro Telemaremma. Ast: “Il suo licenziamento fu ritorsivo”

Il presidente Sandro Bennucci e tutti gli organismi dirigenti dell’Associazione stampa toscana si complimentano con il collega Carlo Vellutini che, per la terza volta, ha vinto la causa di lavoro che lo opponeva alla società Telemaremma. E’ stata la Corte d’Appello di Firenze a confermare che il licenziamento subito dal collega, fiduciario di redazione dell’emittente, nel settembre 2018, fu ritorsivo. Vellutini aveva esercitato le sue funzioni sindacali a sostegno della collega Angela D’Errico.

“Si tratta di una vicenda che ha richiesto tempo, ma che alla fine ha dimostrato quanto fosse giusta la posizione del sindacalista Vellutini, sostenuto completamente, fin da subito, dall’Associazione stampa toscana – si legge in una nota dell’Ast -. Dopo i primi due gradi di giudizio vinti di fronte al giudice del lavoro di Grosseto, l’azienda aveva presentato ricorso alla Corte d’Appello di Firenze che, in seguito all’udienza del 15 ottobre scorso, ha depositato la sentenza con la quale il ricorso viene rigettato, riconoscendo, ancora una volta, le ragioni del collega, assistito anche in questa occasione, come nelle precedenti, dall’avvocato Pierluigi D’Antonio.

Ancora una volta Carlo Vellutini ha dimostrato la correttezza del suo operato come fiduciario di redazione – afferma il presidente Ast, Sandro Bennucci -: del resto il sindacato è stato consapevole della piena ragione del collega e lo ha affiancato immediatamente, fornendo sostegno e tutela legale”.

Molto soddisfatto, Carlo Vellutini, ha inviato all’Ast questo messaggio: “Sono sempre stato convinto di aver agito correttamente  e i vari giudici che si sono susseguiti lo hanno fino ad oggi riconosciuto. Ringrazio ancora una volta il presidente Bennucci, il direttivo Ast e l’avvocato D’Antonio che mi sono stati vicini, non solo sul piano sindacale e legale, ma anche per il calore umano con il quale mi hanno confortato e sostenuto”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button