Pubblicato il: 30 Gennaio 2019 alle 10:50

AmbienteCosta d'argentoGrosseto

Carta europea del turismo sostenibile: al via la candidatura del Parco della Maremma

È stato approvato ieri dal consiglio direttivo il documento strategico e le azioni con cui l’Ente Parco regionale della Maremma ha avviato la propria candidatura per il riconoscimento della Carta europea per il turismo sostenibile – Cets, certificazione rilasciata da Europarc Federation, rappresentata in Italia da Federparchi.

La Carta europea del turismo sostenibile impegna le aree protette nell’attuazione di una strategia per lo sviluppo turistico rispettoso delle risorse naturali, culturali e sociali e che contribuisca in modo equo e positivo allo sviluppo economico e sociale delle comunità residenti in armonia con le aspettative dei visitatori.

In questo senso la Cets rappresenta un’importante opportunità per individuare, insieme a tutti i portatori di interesse, nuove ed efficaci forme di sviluppo sostenibile del territorio e per migliorare l’attrattività turistica: essa costituisce infatti una sorta di “documento di identità” del territorio, immediatamente riconoscibile soprattutto nell’ambito dei flussi turistici provenienti dal continente europeo.

L’Ente Parco regionale della Maremma, dopo aver elaborato assieme a tutti i portatori d’interesse del territorio il piano di azione e le conseguenti attività, ha inviato la documentazione per la candidatura. Non resta che attendere dunque l’esito con l’auspicio che la certificazione venga rilasciata a seguito delle verifiche previste nel corso dei prossimi mesi.

Nel frattempo, le attività del Parco della Maremma non si fermano: l’appuntamento è con l’iniziativa del prossimo 2 febbraio nella giornata delle aree umide, “Ramsar Day”. In questa occasione, adulti e bambini saranno accompagnati da un’esperta guida ambientale alla scoperta dell’avifauna tipica dell’area protetta, lungo l’itinerario che conduce alla foce del fiume Ombrone, attraversando le antiche saline del San Paolo. Grazie a binocoli ed ad un cannocchiale su cavalletto, sarà possibile osservare gru, oche selvatiche e pivieri dorati.

Il ritrovo è fissato alle 9 al centro visite di Alberese (in via del Bersagliere 7/9). La prenotazione per partecipare all’escursione è obbligatoria, entro le 12 di venerdì primo febbraio, contattando il centro visite al numero 0564.393238, oppure scrivendo all’indirizzo [email protected]

L’attività è gratuita per i residenti nei Comuni di Grosseto, Orbetello e Magliano in Toscana.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su