Politica

Verso le Politiche, il Pd presenta i candidati: “Persone di spessore che amano il territorio”

I candidati sono Marco Simiani, Enrico Rossi e Silvio Franceschelli

“La federazione di Grosseto del Partito democratico è soddisfatta della formazione della lista dei candidati alle prossime elezioni politiche“.

Con queste parole, pronunciate nel corso di una conferenza stampa, il segretario provinciale del Pd, Giacomo Termine, ha presentato i candidati nel territorio grossetano che saranno in lizza alla prossima tornata elettorale.

Si tratta del grossetano Marco Simiani, dirigente nazionale del Pd, candidato nel collegio plurinominale della Camera (che comprende le province di Grosseto, Siena, Arezzo e Livorno); Silvio Franceschelli, sindaco di Montalcino ed ex presidente della Provincia di Siena, candidato nel collegio uninominale del Senato (che comprende le province di Grosseto, Siena, Arezzo); Enrico Rossi, già presidente della Regione Toscana per un decennio, candidato nel collegio uninominale della Camera (che comprende le province di Grosseto e Siena).

“Le opzioni messe in campo sono di livello e di altissimo spessore – ha sottolineato Termine -. Il nostro obiettivo è fare una campagna elettorale insieme alla gente. Marco Simiani è il candidato espressione del territorio, che occupa una posizione molto eleggibile. Purtroppo, il taglio dei parlamentari ha innescato un problema di rappresentanza dei territori, una criticità che va affrontata quanto prima nelle sedi istituzionali opportune, perchè ogni realtà deve avere il suo rappresentante. Il Pd ha attuato il principio che ogni provincia debba avere un candidato eleggibile”.

“Mi sento un candidato del territorio perchè da presidente della Regione mi sono impegnato molto per la provincia di Grosseto – ha dichiarato Enrico Rossi. Se sarò eletto in Parlamento, il mio impegno per la Maremma sarà quotidiano e il mio obiettivo sarà quello di migliorare la qualità della vita dei cittadini. E’ necessario valorizzare la storia politica di questo territorio e mi batterò in particolar modo per tre aspetti. Il prossimo Governo dovrà affrontare il caro bollette e trovare un accordo europeo su questo tema. Inoltre, è necessario introdurre un salario minimo di 9 euro e bisognerà applicare la detassazione degli stipendi per garantire una mensilità in più all’anno. Infine, è indispensabile affrontare la transizione ecologica grazie ai fondi del Pnrr, completare le infrastrutture, come la Due Mari e il Corridoio tirrenico, e investire maggiormente nella sanità. Far cadere il Governo Draghi è stato un gesto irresponsabile da parte di Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, compiuto perchè il centrodestra è convinto di sentire il profumo della vittoria“.

“All’inizio di questa campagna elettorale si respira un entusiasmo vero – ha sottolineato Marco Simiani. Sento responsabilità e onore nel rappresentare il territorio alle prossime elezioni, ma d’altronde la mia storia testimonia il mio forte legame con Grosseto. Ringrazio l’onorevole Luca Sani per il lavoro svolto in Parlamento e gli amministratori locali del Pd per la loro vicinanza: questo loro sostegno mi responsabilizza ancora di più. Il mio obiettivo è quello di portare a Roma le istanze dei cittadini e delle istituzioni maremmane. I territorio in cui sono candidato sono molto vasti, simili fra di loro, ma anche molto distanti, distanze che vanno colmate con investimenti nelle infrastrutture tecnologiche, digitali e viarie. Per me sarà prioritario il tema dell’impresa, anche perchè ci sono molte aziende nel territorio e bisogna valorizzare le realtà economiche più piccole affinchè valgano quanto quelle più grandi. Il lavoro è lo strumento principale per far crescere l’economia e per migliorare le condizioni di vita dei cittadini. Darò il massimo impegno e sono a completa disposizione degli elettori“.

“Sono molto contento di partecipare a questa campagna elettorale – ha spiegato Silvio Franceschelli -. Punterò a consolidare i rapporti con i sindaci e i cittadini e a migliorare i servizi nelle aree interne, soprattutto per quanto riguarda le prestazioni sanitarie. E’ necessario realizzare un disegno di legge per aiutare il volontariato e supportare i trasporti socio-sanitari, messi a dura prova dal caro-carburante. Dobbiamo rendere gratuito l’accesso dei bambini agli asili nido, anche per contrastare la denatalità. Il lavoro sarà un valore da tutelare e non da sfruttare, è necessario rendere le norme più semplici per facilitare la burocrazie e agevolare il mondo delle imprese“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button