Pubblicato il: 20 Marzo 2016 alle 14:57

Colline MetallifereCronaca

Picchiano gatto rimasto intrappolato in una recinzione, denunciati bracconieri

Si è concluso questa mattina un complicato intervento di antibracconaggio iniziato il 15 marzo scorso a Scarlino, che ha portato alla denuncia di tre persone e la liberazione di un gatto domestico.

L’intervento è iniziato dopo alcune segnalazioni di animali di affezione (gatti e cani) che rimanevano intrappolati nei lacci posizionati dai bracconieri per la cattura dei cinghiali, lungo i sentieri di una recinzione.

Il lacci, formati da cavetti in acciaio, si stringono attorno al corpo dell’animale, immobilizzandolo o strangolandolo per effetto della trazione che esercita lo stesso animale, quindi portandolo alla morte lentamente dopo atroci sofferenze.

L’operazione è stata complicata in quanto i lacci erano stati posizionati lungo una recinzione di una strada di campagna, con un’unica entrata e ben controllata, e visionati dai bracconieri anche con l’ausilio di fuoristrada e non sempre venivano riarmati, nonostante venissero disarmati, per impedire la cattura di altri animali.

Questa mattina le Guardie della LAC, e GAV della Provincia di Grosseto hanno bloccato tre persone che tentavano di uccidere un gatto rimasto intrappolato in uno dei loro lacci, prima colpendolo a calci, poi usando una mazza, ma è stato salvato grazie al loro tempestivo intervento.

Sul posto è intervenuta la polizia provinciale di Grosseto, che insieme alle guardie della LAC hanno provveduto a rimuovere e sequestrare i lacci usati dai tre bracconieri.

Le guardie della LAC hanno denunciato i tre bracconieri, per i presunti reati di maltrattamento di animali, uso di mezzi vietati e esercizio di caccia in periodo di divieto generale.

Tag
Mostra di più

Un commento

  1. Quando questi “sig.ri bracconieri”, una volta diventati vecchi e immobilizzati dalla malattia e dal dolore, riceveranno l’affettuosa compagnia solo di un gatto che fa le fusa o di un cagnolino accucciato alla sponda del letto o della carrozzella, solo allora si pentiranno davvero ricordando il brutto e incivile gesto che hanno commesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su