FollonicaScuola

“Bosco diffuso”: gli studenti piantano venti arbusti insieme ai Carabinieri

Il progetto è in fase di svolgimento alla scuola "A. Bugiani" di Follonica

Sono numerosi i progetti realizzati dai ragazzi della scuola “A. Bugiani” di Follonica, tra cui “Bosco diffuso”, proposto dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità.

L’anno scolastico 2020-2021 sarà ricordato come un anno particolare, pieno di difficoltà e incertezze per il futuro – dichiarano dall’istituto. In questa situazione, i docenti di varie discipline della scuola ‘A. Bugiani’ hanno cercato di coinvolgere i ragazzi in vari progetti che avessero, pur nella loro diversità, lo scopo comune di rendere i giovani cittadini di domani protagonisti in prima persona della costruzione del proprio futuro. I docenti hanno progettato attività che potessero portare i ragazzi a lavorare anche all’esterno, far loro apprezzare quanto ci circonda, la nostra città ed averne cura. La nostra scuola ha aderito ad un progetto nazionale triennale proposto dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità che prevede la creazione di un ‘Bosco diffuso’ su tutto il territorio nazionale. Questo progetto prevede la piantumazione di specie arboree e arbustive tipiche del territorio, la loro cura e gestione e lo studio del consumo di anidride carbonica di questo piccolo bosco nell’arco di tre anni.

Alla nostra scuola sono state affidate 20 piantine di varie specie tipiche della nostra macchia mediterranea, sono state piantumate dai ragazzi con l’aiuto degli operai del Reparto Biodiversità di Follonica; ogni piantina è stata geolocalizzata e così individuata nel ‘Bosco diffuso’ nazionale. I nostri ragazzi hanno avuto l’occasione di lavorare attivamente e concretamente come custodi giardinieri, sporcandosi le mani con la terra, prendendo coscienza dell’importanza del mondo vegetale, della cura del verde pubblico come proprietà comune, dell’attenzione alle regole di convivenza civile per rendere la nostra città sempre più un esempio di rispetto dell’ambiente e degli altri.

Durante i giorni di chiusura per lockdown gli alunni che hanno potuto frequentare in presenza sono andati ad annaffiare gli alberelli appena piantumati . Obiettivo del progetto è promuovere negli alunni lo spirito del cittadino attivo, partecipe in prima linea alla cura della sua città. L’educazione civica si impara facendo: learning by doing!

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button