Pubblicato il: 25 Marzo 2018 alle 11:02

AmbienteCosta d'argento

Ossidazione dei sedimenti dell’oasi di Burano: consegnata barca al Comune

E’ stata consegnata ieri mattina dalle ditte Ser. Tur e Motonautica Maremmana la nuova barca attrezzata per effettuare l’ossidazione dei sedimenti dell’oasi Wwf del lago di Burano.

Alla consegna erano presenti per il Comune di Capalbio il sindaco Luigi Bellumori e l’architetto Giancarlo Pedreschi, per la società Sacra il direttore, Piergiorgio Santi, e per il Wwf il direttore Fabio Cianchi.

Un obbiettivo molto importante raggiunto grazie alla collaborazione delle amministrazioni e dei privati in ambito di un accordo di programma per la salvaguardia del lago di Burano e della piana dell’Albegna.

Il lago di Burano, come la laguna di Orbetello, viene da un 2017 particolarmente siccitoso (circa 200 millimetri di pioggia all’anno) e da recenti piogge che hanno nuovamente trascinato fanghi e residui agricoli all’interno del bacino.

Proprio per questo, i prossimi anni saranno particolarmente a rischio ed il natante, dotato di un compressore che insufflerà aria sul fondo, sarà fondamentale per evitare o contenere possibili crisi.

Questo metodo, proposto e sperimentato proprio al lago di Burano tra il 2006 e il 2008 da Mauro Lenzi, ha già dimostrato in passato la sua funzionalità.

In particolare, l’attività, volta a prevenire eventuali crisi distrofiche, consiste nell’ossidazione forzata del primo strato di fanghi soffici.

Prossimamente si svolgerà la consegna ufficiale da parte del Comune alla presenza dei rappresentanti regionali e il natante potrà da subito iniziare il suo prezioso lavoro per contrastare i fenomeni distrofici tipici di questi ambienti.

L’acquisto del mezzo – spiega Bellumoririentra nell’accordo di programma sottoscritto nel 2004. Nei prossimi giorni sarà effettuato il collaudo e poi l’ufficializzazione della consegna del mezzo in comodato al wf. I fondi utilizzati per l’acquisto sono del Ministero dell’Ambiente e questa particolare operazione si è sbloccata, oltreché per la mia insistenza, grazie al prezioso contributo dell’assessore regionale Federica Fratoni e all’interessamento del consigliere regionale Leonardo Marras. Negli anni passati, ed in particolare nel corso dell’estate 2017, l’impegno e le azioni di Terre di Sacra e del Consorzio di bonifica hanno scongiurato situazioni di gravissima criticità del lago di Burano. Già dalla prossima settimana il mezzo appositamente attrezzato e inizierà a lavorare sul lago. Riteniamo che alla consegna della barca attrezzata da parte del Comune al Wwf dovranno essere presenti tutti i soggetti firmatari dell’accordo. Un obiettivo raggiunto, ora speriamo che quanto prima siano appaltati i lavori per la realizzazione del depuratore centralizzato di Borgo Carige, anche questo previsto nell’accordo siglato nel 2004“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su