Pubblicato il: 15 Ottobre 2019 alle 15:09

Agricoltura

Agricoltura, nuovo bando di Far Maremma per le imprese: ecco come partecipare

La finalità del bando è il sostegno a progetti pilota e di cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti

Pubblicato da Far Maremma un bando sulla misura 16.2, che si rivolge a reti di impresa, cooperative e altre forme associative e societarie, che operano nel settore agricolo, forestale e agroalimentare.

L’esigenza di innovare e di creare nuovi processi produttivi o nuovi prodotti nel settore agricolo e forestale è sempre più sentita in un territorio come il nostro, in cui l’agroalimentare costituisce uno dei settori produttivi trainanti.

La finalità del bando è il sostegno a progetti pilota e di cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie che concorrano ad aumentare la competitività delle imprese.

I soggetti ammessi a far parte del partenariato sono le imprese agricole e forestali, le Pmi operanti in zone rurali, gli operatori commerciali, le imprese di servizio, i soggetti di diritto pubblico, i soggetti operanti nella produzione di ricerca e trasferimento di innovazione, le Ong, le associazioni, le organizzazioni dei produttori, le rappresentanze delle imprese e altre loro forme aggregative, i soggetti operanti nella divulgazione e informazione, i consulenti.

Obbligatoria è la presenza di almeno un’impresa agricola ed un soggetto impegnato nel campo della produzione e trasferimento di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica, divulgazione.

L’importo complessivo dei fondi messo a disposizione del bando è pari a 500mila euro. Il sostegno è concesso in forma di contributo in conto capitale fino a un massimo del 90% del costo totale ammissibile. L’importo massimo del contributo ammissibile è pari a 100mila euro sul totale del progetto. L’importo minimo del contributo ammissibile è pari a 20mila euro sul totale del progetto e a 5mila euro per ogni singolo componente dell’accordo.

Gli interventi finanziabili e le spese ammissibili sono: costi di costituzione, funzionamento e gestione del partenariato di progetto; costi riferiti a studi preliminari e di contesto; costi per animazione; costi diretti dei progetti specifici finalizzati all’innovazione; costi di progettazione per la realizzazione di prototipi, per la realizzazione di test e prove, per la messa a punto di nuovi prodotti, nuovi processi, nuovi servizi; costi per la realizzazione di test e prove; costi per la divulgazione dei risultati ottenuti.

La proposta progettuale deve essere sottoscritta e presentata dal capofila entro e non oltre le ore 13 del 18 novembre 2019, mediante compilazione dell’apposita istanza on-line, disponibile sul sistema informativo di Artea al link www.artea.toscana.it.

Informazioni al numero di Gal Far Maremma 0564.405252 o all’indirizzo e-mail [email protected]

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su