Pubblicato il: 4 Novembre 2015 alle 18:42

Attualità

Balneari: scongiurato il rischio dell’aumento dei canoni demaniali marittimi

Ascom Confcommercio Grosseto aggiorna sullo “stato dell’arte” della vicenda dei canoni demaniali marittimi, informando della buona notizia per i balneari della costa grossetana che arriva dal tavolo di confronto Regione – associazioni di categoria.

Dopo un approfondimento delle problematiche collegate alle attività del sistema delle Pmi del settore, è stato rilevato come il quadro normativo nazionale sia ancora incerto e indefinito anche rispetto alla quantificazione dei canoni per le concessioni demaniali – scrivono dalle associazioni regionali di Sib Confcommercio, Fiba Confesercenti, Cna Balneari ed Assobalneari ConfindustriaPer questo, la Regione e le le categorie hanno condiviso lo stralcio della norma contenuta nella proposta di legge di stabilità 2016 che ipotizzava un incremento della addizionale regionale sul canone. L’occasione dell’incontro ha consentito anche di continuare l’approfondimento rispetto alle problematiche indotte dalla applicazione della normativa comunitaria e l’esigenza di puntare, Regioni e associazioni di categoria, a sollecitare il Governo e il Parlamento a rivedere il quadro della normativa da troppo tempo rinviato, tutto ciò è ritenuto necessario per garantire al sistema dell’offerta balneare italiana le necessarie condizioni per lo sviluppo economico e occupazionale del settore“.

Ascom Confcommercio ringrazia la Regione per aver capito le ragioni dei balneari e per aver rinunciato all’aumento ingiustificato dei canoni demaniali, che in questo momento avrebbe ulteriormente affossato una categoria già fortemente penalizzata dall’incertezza della direttiva Bolkestein.

Una notizia che ci rincuora – commenta Walter Maretti, presidente Sib Confcommercio Grosseto – Le ultime riunioni fatte a livello regionale ed anche nazionale con la Giunta del sindacato balneari hanno avuto il loro effetto e siamo finalmente riusciti a far capire, a chi ancora nutre qualche dubbio, che la nostra categoria è di importanza primaria per il turismo e per l’economia tutta, in particolare in Toscana, dove creiamo un indotto notevolissimo. Siamo felici di questo passaggio, ma non siamo ancora sereni per questa indecisione da parte del Governo nel prendere in mano la situazione che ci vede penalizzati. Questo stato di cose, questo sentirci sempre a rischio, non ci permette di investire come dovremmo fare per rispondere alle attuali esigenze dei turisti“.

ll commento di Leonardo Marras

La notizia dell’intesa raggiunta tra i rappresentanti delle associazioni dei gestori degli stabilimenti balneari e gli assessori Bugli e Ciuoffo riporta nel giusto binario un orientamento forte che anche come gruppo avevamo dato in Consiglio sulla legge di bilancio 2016, la volontà cioè di non aumentare le imposte e le tasse regionali. Lo stralcio della norma sull’addizionale del canone demaniale è sicuramente un fatto positivo e rappresenta il felice esito di una vicenda sulla quale ci eravamo spesi affinché continuasse il dialogo tra la giunta e le associazioni di categoria.

Siamo certi che questa decisione, oltre a raccogliere i consensi tra gli operatori economici interessati, risponda anche alla nostra impostazione di fondo sui caratteri della manovra economica regionale: no a nuove tasse, risparmi e razionalizzazione della spesa per continuare ad investire. Ora il tavolo del confronto con le associazioni di categoria prosegue, come annunciato nei giorni scorsi, lunedì in commissione ‘Costa’ per affrontare le questioni di fondo di un settore che abbisogna certamente di un quadro normativo più chiaro“.

Così Leonardo Marras, capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Gianni Anselmi, consigliere del Pd e presidente della commissione sviluppo economico e Antonio Mazzeo, consigliere del Pd e presidente della commissione ripresa economico-sociale Toscana costiera, commentano l’intesa raggiunta stamani tra gli assessori Bugli e Ciuoffo e le associazioni dei balneari.

Il commento di Fiba Grosseto

Fiba Grosseto esprime soddisfazione per il risultato raggiunto nell’incontro con gli assessori regionali Ciuoffo e Bugli da parte delle organizzazioni di categoria riguardo all’aumento paventato dell’addizionale regionale sul canone demaniale – si legge in un comunicato -. I precisi e ineccepibili argomenti esposti loro durante l’incontro a Firenze con l’amministrazione regionale hanno dato i risultati sperati.  La strategia sindacale di Fiba Toscana risultata valida e vincente verteva su due punti rivelatisi di fondamentale importanza per l’esito positivo della trattativa“.

Avevamo fatto notare come nella legge di stabilità era espressamente vietato alle regioni di innalzare qualsiasi aliquota e accisa. In secondo luogo, abbiamo sottolineato che essendo già in attesa di una necessaria riforma dei canoni non si poteva applicare un aumento di tale portata in modo lineare, portando di conseguenza aziende già gravate da canoni insostenibili, come i pertinenziali e gli incamerabili, a una lenta ed inesorabile agonia – continua il comunicato -. Con soddisfazione possiamo quindi annunciare che la Regione, recependo le nostre osservazioni, ha pensato di rimandare eventuali aumenti quando vi sarà, speriamo presto, la riforma dei canoni demaniali. Siamo altrettanto convinti della utilità manifestata dalla organizzazioni regionali di mantenere aperto tavolo di confronto al fine di studiare le migliori soluzioni per le caratteristiche della regione Toscana nella riforma generale del codice della navigazione“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su