Confcommercio sforna sette nuovi pizzaioli: consegnati gli attestati del corso

L’ultima edizione del corso per pizzaioli di Confcommercio Grosseto si è conclusa con la consegna degli attestati di partecipazione a sette persone: Giacomo Andreoni, Armando Armandini, Bledi Kaja, Reno Kaja, Alexi Niccolini, Ilià Termini e Mihai Cristian Solomon.

A fare loro le congratulazioni da parte dell’associazione di categoria, c’era Enrico Franceschelli, presidente del sindacato stabilimenti balneari, che ha portato i saluti del direttore Gabriella Orlando.

Fate della qualità il vostro credo – ha detto Franceschelli -. Nell’ambito della ristorazione, a mio avviso è la qualità dei prodotti, della materia prima e poi delle preparazioni dei piatti il dettaglio che fa la differenza e il modo per riuscire ad emergere“.

I partecipanti, prima della consegna degli attestati, si sono cimentati in una prova di bravura, per dimostrare le capacità acquisite, di fronte ad amici e parenti, nella sede del corso, a “Farine e dintorni” in via Zircone a Grosseto, alla presenza del titolare Roberto Lo Re, a cui è andato un ringraziamento, e di Nello Raffi, della pizzeria Lucerna di Castiglione della Pescaia.

Insieme a tutti loro, c’era il docente, il maestro Paolo Niccolucci. “Questi ragazzi hanno dimostrato di voler imparare – ha spiegato Niccolucci – ed alcuni hanno fatto anche il sacrificio di venire da lontano per partecipare alle lezioni. Significa che sono motivati ed è un aspetto fondamentale. Noi gli abbiamo fornito le basi, adesso il futuro è solo nelle loro mani”.

Soddisfazione verso il corso, la docenza e la gestione Ascom è stata espressa dai sette partecipanti. Tra loro, sono emersi i commenti di due fratelli, accomunati dagli stessi gusti, anche nella formazione, e la testimonianza di Armando Armandini, un giovane studente universitario iscritto ad Ingegneria aerospaziale che oggi ha in mano anche un attestato da pizzaiolo.

“Ho scelto di fare questo corso – ha commentato Armandiniperché credo che non si debba mai perdere di vista le cose semplici della vita, quelle che ti tengono con i piedi per terra. Sono rimasto molto contento, anche perché non credevo che dietro ad un mestiere come il pizzaiolo ci potesse essere così tanta arte e passione“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top