Pubblicato il: 17 Settembre 2019 alle 9:53

Economia

Le donne della Cgil si riuniscono in assemblea: “Una piattaforma per tutelare il lavoro”

La Cgil di Grosseto dà appuntamento per l'assemblea provinciale delle delegate

Per il lavoro e la salute delle donne, contro le molestie e le violenze, la Cgil di Grosseto dà appuntamento per l’assemblea provinciale delle delegate, che si terrà mercoledì 18 settembre, alle 16, nella sede provinciale in via Repubblica Dominicana 80/G,a Grosseto, nel salone “Calogero Cangialosi”.

All’assemblea sono state invitate a partecipare Laura Parlanti, Consigliera di parità della Provincia di Grosseto, Toscana Barba Orlandi, responsabile del Coordinamento donne della Cgil Toscana, e Patrizia Passalacqua, del centro antiviolenza Olympia De Gouges.

«L’assemblea – sottolinea Eleonora Bucci, segretaria della Camera del lavoro per le “politiche per le pari opportunità” – sarà l’occasione per presentare la nostra piattaforma di genere dal titolo “Belle Ciao. Tutte insieme vogliamo tutto”. Un vademecum per la contrattazione inclusiva nei luoghi di lavoro e nella società, ispirato a cinque temi cardinali: occupazione, parità di salario, condivisione, welfare, molestie».

Il lavoro delle donne è scarso – l’Italia è agli ultimi posti in Europa per occupazione femminile – dequalificato, mal pagato perché il 60% delle donne italiane non è retribuita adeguatamente, caratterizzato da part time involontari e contratti precari. «Per la Cgil – precisa Bucci occorrono quindi un piano straordinario dell’occupazione femminile, investimenti pubblici e una nuova “Carta dei diritti di tutte e tutti”. Come si legge nella nostra piattaforma, l’obiettivo che ci siamo date è aumentare i congedi parentali, la formazione obbligatoria dopo la maternità. Riconoscere il lavoro di cura, garantire più asili nido e interventi a sostegno della non autosufficienza, nonché nuovi incentivi su politiche di condivisione e conciliazione».

Oggi sono “normali” le diseguaglianze nei luoghi di lavoro, ma anche nel welfare e nell’accesso ai servizi alla salute. Quest’ultima disparità di trattamento, in particolare non è neutra: uomini e donne hanno diversa sensibilità alle patologie e rispondono in maniera diversa alle terapie. «Per questo la Cgil propone una vera e propria strategia – continua Eleonora Bucci, che va dalla diffusione della medicina di genere al potenziamento dei consultori, all’esigibilità delle prestazioni della Legge 194. Che va pienamente applicata».

Infine, le donne della Cgil propongono una contrattazione di genere contro le molestie e le violenze nei luoghi di lavoro attraverso la formazione delle Rsu e di figure di riferimento, partendo dalle scuole e ricostruendo la cultura del rispetto reciproco per contrastare questi fenomeni.

«Abbiamo bisogno – conclude Eleonora Buccidi riscoprire cultura, memoria e storia. Per costruire tutte insieme un Paese a misura di donne. Per questo sin da mercoledì ci immergeremo nell’analisi delle situazioni più critiche e nella pianificazione delle azioni concrete per dare sostanza ai contenuti della nostra piattaforma rivendicativa. Attraverso percorsi condivisi per rendere più forte la contrattazione di genere nel mondo del lavoro pubblico e privato».

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su