Economia

“Artigiani del futuro”: presentanti i risultati dell’indagine di Cna

Il 50% delle imprese sta per affrontare il passaggio generazionale e il 62% degli studenti è interessato a diventare imprenditore

Il 50% delle imprese che hanno partecipato all’indagine promossa da Cna ha appena affrontato, o è in procinto di affrontare, il passaggio generazionale; il 62% degli studenti che hanno risposto al questionario si dichiarano interessati, dopo il diploma, a diventare imprenditori.

Sono solo due dei dati emersi con la prima fase del progetto “Artigiani del futuro“, lanciato dall’associazione grossetana degli artigiani e della piccola e media impresa e realizzato da Simurg Ricerche per ideare nuove strategie che mettano in relazione il mondo del lavoro con quello delle scuole.

“Questi due dati, che sono solo una minima parte delle informazioni che abbiamo raccolto con questa prima parte di indagine – commenta il direttore di Cna Grosseto, Anna Rita Bramerini –, sembrano in controtendenza rispetto a quanto si registra di frequente nella nostra provincia: la difficoltà di far sopravvivere la propria impresa, spesso sana e in salute, quando per il titolare si avvicina l’età della pensione“.

“Numeri che dimostrano – aggiunge il presidente Riccardo Bredache il nostro lavoro va nella giusta direzione e che il problema non è la mancanza di giovani interessati all’attività imprenditoriale, ma forse le poche occasioni di dialogo, confronto e lavoro condiviso tra il mondo dell’impresa artigianale e quello della scuola. Un elemento che, se affrontato correttamente, può contribuire a superare il gap, che da anni il nostro Paese affronta per mancanza di manodopera qualificata e percentuale di giovani che non trovano occupazione”.

Di questo e di molto altro si è parlato questa mattina al Polo universitario grossetano in occasione del convegno “Le aziende artigiane di fronte alle sfide del futuro: relazione con il territorio e con il sistema dell’istruzione, fabbisogni professionali e transizione generazionale”, che ha visto il sostegno della Fondazione Polo universitario grossetano e dell’ufficio scolastico regionale e la presenza di numerosi relatori tra istituzioni, locali e regionale, ed esperti, oltre che di molti studenti e loro insegnanti.

Al centro dell’incontro la presentazione dell’indagine svolta nelle imprese del territorio e nelle scuole della provincia, che ha coinvolto insegnanti e studenti, con l’obiettivo ambizioso di creare un osservatorio permanente sull’analisi del fabbisogno formativo ed impostare azioni finalizzate a creare proposte formative ad hoc, fare incontrare il mercato del lavoro e i giovani e, dove possibile, favorire il ricambio generazionale trasmettendo il patrimonio di saperi e competenze di cui le imprese dispongono e che può essere arricchito dalle competenze dei giovani.

Sì, perché un altro elemento degno di nota è che i ragazzi hanno voglia di migliorarsi e sono interessati a progetti, anche di alternanza scuola-lavoro o di percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (Ptco) che possano indirizzarli in modo concreto nell’acquisizione di nuove competenze e nelle scelte future.

Lo studio realizzato fotografa, infatti, una realtà in cui il 38% dei ragazzi intervistati che ha realizzato esperienze di alternanza scuola-lavoro o Pcto le giudica molto positive, mentre il 46% abbastanza, e il 50% delle risposte raccolte sottolinea come l’esperienza svolta sia coerente con il percorso di studi. Le esperienze più gradite sono quelle di stage in azienda (il 58%). D’altro canto, gli studenti danno anche una serie di suggerimenti per migliorare ancora; tra questi quello di avere una preparazione specifica prima dello stage, organizzare più ptco durante l’anno, aumentare le ore di attività fuori dalla scuola.

Dal lato imprese è importante rilevare come il 59% delle imprese intervistate non abbia avuto rapporti con le scuole, ma il 33% si dichiara interessato ad avviarli. Numeri che parlano di un dialogo possibile, quindi, che il progetto di Cna intende sostenere e contribuire a realizzare, favorendo tutte le possibili iniziative che vadano in questo senso.

Per questo motivo l’indagine statistica sarà riproposta nelle prossime settimane, estendendo il campione dei partecipanti e incrementando quindi i dati raccolti, così da coprire il nuovo ciclo di studi degli istituti superiori. La sperimentazione, che si è svolta da aprile a settembre, è partita coinvolgendo gli istituti tecnici superiori, ma l’obiettivo è indagare anche le aspettative e le richieste degli studenti e degli insegnanti degli altri istituti superiori.

Al convegno di oggi, moderato dal giornalista Alfredo Faetti, hanno preso parte, oltre ai rappresentanti di Cna Grosseto, Moreno Toigo, di Simurg Ricerche, che ha illustrato i risultati dell’indagine, Alessandra Nardini, assessore regionale all’istruzione, alla formazione e al lavoro, Cristina Grieco, presidente di Indire, Francesco Limatola, presidente della Provincia di Grosseto, Teresa Madeo, per l’Ufficio scolastico regionale, Leonardo Marras, assessore regionale alle attività produttive, Marco Baldi, responsabile dell’Area studi e ricerche di Cna nazionale, Andrea Piccaluga, della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, Luca Tonini, presidente di Cna Toscana. Le conclusioni saranno affidate ad Anna Rita Bramerini, direttore di Cna Grosseto.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button