Cultura & SpettacoliGrosseto

Cultura e degustazioni: alla chiesa dei Bigi arriva “Arthè – Infusioni d’arte”

Il primo appuntamento è in programma venerdì 16 ottobre

La nuova rassegna del Polo culturale Le Clarisse di Fondazione Grosseto Cultura è “Arthè – Infusioni d’arte” e il primo appuntamento è in programma venerdì 16 ottobre, alle 17, al Museo collezione Gianfranco Luzzetti.

«Con questa nuova rassegna – spiega Mauro Papa, direttore del Polo culturale Le Clarisse – vogliamo promuovere incontri che abbiano come tema la presentazione di libri o opere d’arte, all’interno della splendida chiesa dei Bigi. Il tutto degustando una tazza di tè. Per inaugurare il ciclo di incontri abbiamo chiamato un’artista romana, Anna Laura Longo, che presenterà il suo libro d’arte “In un singolo punto nodoso”».

I posti a disposizione per partecipare, al costo di 3 euro, sono 15. Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare i numeri 0564.488066, 0564.488067 e 0564.488547 o scrivere a collezioneluzzetti@gmail.com.

Anna Laura Longo è un’artista pluridisciplinare impegnata in progetti compositi, tra linguaggi e sfere sensoriali. È autrice di una variegata produzione poetico-performativa: sono emblematici i titoli “Plasma – Sottomultipli del tema ‘Ricordo’ (Fermenti), “Nuove rapide scosse retiniche” (Joker), “Procedure esfolianti” (Manni), “Questo è il mese dei radiosi incarnati del suolo” (Oedipus). Tra i libri d’artista, da ricordare proprio “In un singolo punto nodoso” – che l’autrice presenterà alla chiesa dei Bigi – e “Vision Blanche”.

Intenso il suo lavoro di progettazione di installazioni visive e lavori eclettici di arte-poesia. Particolare successo ha avuto l’installazione Alpha siderea con molteplici montature dark e irreali di “occhialoidi in ferro” pensati per acuire lo sguardo sul mondo. I suoi recital, le sue performance multisensoriali e le sue esposizioni hanno toccato varie tappe in Italia, Francia, Germania, Messico, Canada, Martinica, Spagna, Belgio, Lussemburgo e Svizzera, distinguendosi come vere e proprie indagini sulle “profondità e sottigliezze” della percezione.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button