CronacaGrosseto

Evade dai domiciliari dopo aver commesso un furto: arrestato alla stazione

A finire in manette è un uomo di 69 anni

3 arrestati, una persona denunciata e 414 identificati: è questo il risultato del dispositivo messo in atto dagli agenti del Compartimento Polizia ferroviaria per la Toscana durante i capillari controlli effettuati ieri presso le stazioni della regione.

In particolare, a Grosseto, è stato arrestato un 69enne destinatario di una misura di detenzione in carcere, poichè, ad agosto scorso, era evaso dagli arresti domiciliari per un furto. L’uomo, terminati gli accertamenti, è stato condotto in carcere.

A Pisa, due giovani donne di nazionalità bosniaca con precedenti specifici, sono state arrestate nella stazione ferroviaria per aver rubato il portafogli ad una viaggiatrice mentre si trovava all’interno di un ascensore. Le due, approfittando delle dimensioni ridotte del luogo e utilizzando un capo di abbigliamento come diversivo, sono riuscite ad impossessarsi del portafogli della vittima, che tuttavia ha notato il laccio del borsello spuntare dagli abiti di una delle due ladre. Solo grazie al tempestivo intervento della Polfer e stato interrotto il tentativo di fuga delle due autrici del furto, mentre la vittima è rientrata in possesso dei propri effetti personali.

Nella stessa giornata, si è svolta nella stazione ferroviaria di Firenze Santa Maria Novella l’operazione “Alto Impatto”, promossa dal Servizio Polizia ferroviaria su scala nazionale. Un’attività che intensifica i quotidiani controlli di Polizia volti al contrasto delle attività illecite, iò cui bilancio ha visto 414 persone controllate, con l’impiego di 10 pattuglie e l’utilizzo di una unita cinofila. Numerosi i controlli ai passeggeri in transito e ai relativi bagagli, che hanno portato alla denuncia di due donne per furto, di cui una al settimo mese di gravidanza.

Le due sono state notate sul marciapiede antistante la stazione di Firenze Santa Maria Novella, mentre stavano rubando un portafogli ad una signora. Anche in questo caso, grazie al tempestivo intervento della Polfer, è stato possibile riconsegnare alla vittima la refurtiva. Le due donne, di nazionalità bulgara, sono state immediatamente segnalate all’Autorita Giudiziaria.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button