CronacaGrossetoIn evidenza
Di tendenza

Spacca bottiglie e la cassa della Coop, poi devasta un bar e picchia i poliziotti: arrestato

L'episodio è accaduto a Grosseto

Gli agenti di una Volante della Polizia ha arrestato, per resistenza e violenza  a  pubblico  ufficiale, un uomo di  43 anni, italiano, pluripregiudicato.

L’uomo è stato inoltre denunciato poiché si è reso responsabile di furto aggravato, lesioni e danneggiamento aggravato di beni esposti alla pubblica fede. Lunedì pomeriggio, verso le 16.30 circa, l’uomo, già noto alla forze dell’ordine, ha oltrepassato Ia barriera delle casse del supermercato Coop di via Ximenes, a Grosseto, senza pagare iI corrispettivo di quanto poco prima prelevato degli scaffali.

Nella fuga, per sottrarsi ai controlli dei dipendenti del supermercato che si erano resi conto di quanto stava accadendo, l’uomo ha utilizzato alcune bottiglie di birra per minacciarli e che ha scaraventato a terra. Nella fuga inoltre ha danneggiato il registratore di cassa, tanto da renderlo inservibile, e ha rovesciato alcuni espositori colmi di prodotti.

La sala operative della Questura, ricevuta Ia richiesta di soccorso, ha allertato ed inviato sul posto le pattuglie dell’Ufficio di prevenzione generale e soccorso pubblico (UPGSP).  Prontamente  intervenuti, gli agenti hanno notato l’uomo, poco distante, in una via del centro cittadino, nei pressi di un bar, dove immediatamente prima aveva rovesciato tavoli e sedie.

L’immediato intervento dei poliziotti non ha interrotto le azioni violente dell’uomo, che, anzi, alla vista degli agenti, ha iniziato ad inveire e minacciarli. Ad ogni modo l’uomo è stato portato in Questura per gli accertamenti del caso, dove, una volta raggiunto gli uffici, ha colpito con un pugno alla spalla un poliziotti e contemporaneamente ha afferrato per i capelli Ia collega.

Gil uomini e le donne delle Volanti hanno messo in manette l’uomo, l’arresto è stato convalidato in sede di processo per direttissima e l’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Grosseto.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button