Ruba un cellulare, poi chiede soldi alla vittima per restituirlo e la picchia: arrestato

Ha rubato un cellulare, poi ha picchiato la vittima dopo averle chiesto dei soldi per la restituzione del telefono.

Il protagonista della vicenda, accaduta sabato scorso a Grosseto, è un cittadino ghanese di 22 anni.

La vittima, un uomo ghanese di 33 anni, in possesso di regolare permesso di soggiorno, stava camminando lungo via Sauro intorno alle 18.30, quando è stato avvicinata dal connazionale. Per motivi ancora da chiarire, quest’ultimo ha insultato il 33enne e lo ha aggredito con spintoni e strattoni, poi gli ha rubato il cellulare e rovinato il giaccone che indossava.

A quel punto, il 33enne ha chiamato la Polizia, spiegando che è stato picchiato dopo essersi rifiutato di consegnare dei soldi per riavere il cellulare indietro. L’intervento tempestivo degli agenti e la descrizione dettagliata dell’aggressore fatta dal ghanese hanno permesso ai poliziotti di bloccare, nei pressi di via Sauro, il 22enne, trovato in possesso del cellulare rubato e arrestato in flagranza per rapina e tentata estorsione.

Portato in Questura, l’aggressore, regolare sul territorio nazionale in virtù di una richiesta di riconoscimento di asilo, senza fissa dimora e pregiudicato, già arrestato lo scorso 24 agosto per detenzione e spaccio di stupefacenti, ricettazione, porto abusivo di armi, invasione di edifici e terreni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, si è rifiutato di sottoporsi ai rilievi foto dattiloscopici. Per questo motivo, è stato anche indagato in stato di libertà e denunciato all’Autorità Giudiziaria.

Questa mattina, davanti al giudice delle indagini preliminari, si è svolta l’udienza di convalida dell’arresto in flagranza di reato del cittadino ghanese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top