Economia

Controversie tra imprese: Camera di commercio e Confindustria promuovono l’arbitrato

Sottoscritto un accordo per favorirne la diffusione e organizzare incontri informativi per gli operatori

Per risolvere le controversie – anche tra imprese – esiste un mezzo alternativo ai tribunali, la cui attività è sempre più rallentata dalla mole di richieste di giudizio: l’arbitrato.

Un’alternativa interessante e a portata di mano, poiché alla Camera di commercio della Maremma e del Tirreno è operativa una Camera arbitrale dedicata alla gestione delle procedure di contenzioso, offrendo alte professionalità, costi calmierati e tempi certi della risoluzione delle controversie. Un sistema che presenta non pochi vantaggi, rispondendo all’esigenza di assicurare una soluzione celere alle vertenze in materia di diritti disponibili, garantendo alle parti tempi certi per la conclusione del procedimento a costi equi, contenuti e predeterminati, che merita di essere sfruttato e sempre più diffuso.

Per questo la Camera di commercio della Maremma e del Tirreno e Confindustria Toscana Sud (Arezzo, Grosseto e Siena) hanno appena sottoscritto una convenzione per la promozione congiunta e la diffusione dell’arbitrato, con il fine di agevolare le imprese, soprattutto in un momento di grandi difficoltà, e garantire una risoluzione rapida ed efficace dei contenziosi. Nell’ambito di questa collaborazione l’Ente camerale e Confindustria Toscana Sud organizzeranno incontri formativi dedicati a piccoli gruppi di operatori economici iscritti all’associazione degli industriali e interessati all’istituto dell’arbitrato.

«Tra la Camera di commercio e Confindustria – dichiara Francesco Pacini, presidente della delegazione di Grosseto di Confindustria Toscana Sud – esiste certamente una reciprocità d’interesse nel promuovere tra le imprese l’istituto dell’arbitrato, uno strumento efficace per agire sul numero e sulla durata dei contenziosi civili e commerciali, che permette alle imprese di ottenere una decisione, equiparata a tutti gli effetti a una sentenza pronunciata dall’autorità giudiziaria, in tempi più celeri rispetto ad un giudizio ordinario e a costi certi e contenuti. Per questo abbiamo sottoscritto con grande convinzione l’intesa con la Camera di commercio per promuovere e diffondere un istituto nel quale crediamo molto. E invitiamo tutti i nostri associati a partecipare ai momenti formativi e informativi che organizzeremo».

Il primo è in programma martedì 27 luglio: un webinar al quale sarà possibile assistere a partire dalle 11.30.

«Siamo molto soddisfatti di poter collaborare in modo attivo con Confindustria Toscana Sud per la promozione dell’arbitrato – commenta il presidente della Camera di commercio, Riccardo Breda –, uno degli strumenti che mettiamo a disposizione delle imprese e che possono costituire per loro un concreto salto di qualità. Gli aggravi giudiziali, così come gli appesantimenti burocratici, non sono più sostenibili, tanto più di fronte ad una crisi economica di grandi proporzioni. Tutte le iniziative messe in atto per facilitare l’accesso a strumenti come questo sono importantissime e agire in modo coordinato permette sempre di raggiungere e supportare meglio le nostre imprese».

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button