Pubblicato il: 20 Maggio 2019 alle 11:06

FollonicaPolitica

Tassa di soggiorno, Pecorini: “Più di un milione investito per la cura della città”

A Follonica la tassa di soggiorno è in vigore dal 2012: un’imposta versata dagli ospiti con la quale vengono reperiti fondi da destinare ad interventi in materia di turismo e promozione del Comune.

Una parte consistente delle risorse ottenute grazie a questa tassa (1.006.000 dal 2015 al 2019 pari a 200.000 euro l’anno) è stata destinata alla cura del verde e al decoro urbano cittadino: tra il 2015 e 2019 l’amministrazione guidata dal sindaco Andrea Benini ha infatti investito più di un milione di euro per il decoro della città con interventi che hanno riguardato le piazze, le pinete, la duna e i parchi.

«Si tratta di una risorsa importantissima che ha permesso di realizzare numerosi interventi nel corso di questi cinque anni. Interventi che erano stati individuati anche come obiettivi strategici del nostro programma di governo» spiega Andrea Pecorini, vicesindaco uscente e candidato capolista nella lista “Partito Democratico Benini Sindaco”, che durante l’ultima legislatura ha curato, tra gli altri, anche l’assessorato alla cura del verde e al decoro urbano.

Ma come sono state impiegate, nel dettaglio, queste risorse?

Nel 2015 i ricavi della tassa di soggiorno sono serviti a ripristinare gli accessi al mare, a realizzare le docce e a ricostruire le barriere di protezione della duna di Pratoranieri, una parte della tassa è poi servita per acquistare i nuovi giochi e per realizzare i percorsi in tufo della pineta di Ponente. Sempre nel 2015, in piazza Giuseppe Mazzini e in piazza Ettore Socci, sul lungomare viale Italia, è stata effettuata un’importante manutenzione che ha comportato la sostituzione delle panchine, dei cestini, un ripristino dei pratini, fioriture e la realizzazione un impianto di irrigazione.

Nel 2016 le risorse derivate dalla tassa hanno invece permesso di riaprire alla cittadinanza la pineta conosciuta da molto follonichesi come “campeggio ex-Sciantella” realizzando anche il primo “Percorso vita” ovvero uno spazio verde dedicato agli sportivi con panche, pertiche, barre e travi. Inoltre, sono stati acquistati arredi per le aree verdi e per le aree urbane diffuse in città. Il 2016 è stato l’anno anche della bonifica e pulizia della storica Duna dei 5 pini a Pratoranieri (tra il bagno Cerboli ed il bagno Oasi, lato monte) riconsegnandola alla città.

Nel 2017 l’amministrazione comunale si è spostata per lavorare sulla pineta di Levante facendo diventare l’area completamente accessibile con una fornitura di arredi in plastica riciclata, la realizzazione di un percorso fitness, nuovi giochi e percorsi accessibili. Non sono poi mancati dei nuovi lavori sulla preziosa duna di Pratoranieri, ripetutamente devastata dalle mareggiate e dai forti venti.

Il 2018 è stato l’anno di piazza Vittorio Veneto: la riqualificazione dell’area di fronte all’ex cinema Tirreno in via Bicocchi ha restituito alla città una piazza più bella e accessibile. Oggi, grazie a quell’intervento, la piazza ha infatti un’illuminazione a led di ultima generazione, una parte di pavimentazione nuova in accordo con l’aspetto della piazza e un impianto di irrigazione per il verde.

«Sono stati ricostruiti alcuni tratti della pavimentazione che erano avvallati e dissestati – afferma Pecorini, è stato rigenerato il prato, è stata effettuata una pulizia straordinaria della pavimentazione e del monumento ed è stato infine realizzato un nuovo accesso pedonale al centro della piazza con l’abbattimento delle barriere architettoniche».

Il 2018 è stato anche l’anno della rigenerazione della pineta di ponente lato via Matteotti e, anche grazie alla tassa di soggiorno è stato possibile acquistare e mettere a dimora oltre 150 piante di varie specie, realizzare un impianto di irrigazione e sostituire giochi.

Previsioni per il futuro

Quest’anno invece la tassa è servita a ripristinare docce e gli accessi al mare a Pratoranieri , ripristinare le barriere di protezione della duna (ancora da eseguire), a riqualificare la piazzetta della ex Cartiera (tra il ponte di via Bicocchi e via Carducci) ed a sostituire le tamerici e i platani di viale Italia.

Non solo: «Grazie agli introiti della tassa di soggiorno 2019 – conclude Pecorini, è già stato programmato per ottobre prossimo un intervento di riqualificazione della piazzetta di Senzuno davanti allo storico bar Peggi, che prevede una pavimentazione con tutela del grande leccio esistente con sedute e un nuovo impianto di illuminazione».

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su