Agricoltura

Alluvione, Sani: “Il Governo finanzi il fondo di solidarietà e sospenda gli oneri per gli agricoltori”

Riconoscere l’eccezionalità degli eventi calamitosi verificatisi nel 2012 e 2013 in Sardegna, Toscana, Calabria, Basilicata, Puglia, Marche e Abruzzo, e adottare misure specifiche di finanziamento del fondo nazionale di solidarietà per l’agricoltura, oltre a sospendere gli oneri tributari e contributivi a favore delle popolazioni che hanno subito i maggiori danni a causa degli eventi alluvionali”.

È il contenuto della risoluzione unitaria approvata stamani dalla Commissione Agricoltura della Camera.

Con questa risoluzione – spiega il presidente della Commissione Agricoltura, Luca Saniabbiamo chiesto al Governo un impegno complessivo a dare soluzioni omogenee ai gravissimi problemi che le calamità naturali del 2012/2013 hanno provocato agli agricoltori di diverse regioni italiane, omogeneizzando i criteri di sostegno al settore agricolo.

In particolare abbiamo chiesto che, riconoscendo l’eccezionalità degli eventi atmosferici, si provveda a finanziare adeguatamente il fondo di solidarietà nazionale all’agricoltura e il fondo compensativo per rifonder i danni alle strutture aziendali e alle infrastrutture connesse all’attività agricola.

Contestualmente, è necessario attivare anche ulteriori operazioni di lunga durata tese a rafforzare la sicurezza attiva e passiva del territorio rurale e la produttività delle strutture agricole, soprattutto al fine di garantire il reddito degli agricoltori e favorire la ripresa economica e produttiva delle imprese danneggiate dagli eventi atmosferici eccezionali”.

Un’altra misura determinante a parere della Commissione – conclude l’onorevole Saniè quella di assumere iniziative finalizzate alla sospensione degli oneri tributari e contributivi a favore delle popolazioni che hanno subito i maggiori danni e di prendere iniziative nei confronti del sistema bancario, al fine di valutare la sospensione delle rate dei mutui in essere delle imprese colpite degli eventi alluvionali”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button