Cultura & SpettacoliGrosseto

Uno spazio creativo nella macelleria del nonno: la storia di Alice Bocchi

Dopo oltre 15 anni trascorsi in Spagna, Alice Bocchi, grossetana, realizza un sogno nella sua città.

Dopo oltre 15 anni trascorsi in Spagna lavorando nel cinema e nel teatro, Alice Bocchi, grossetana di 39 anni, realizza un sogno nella sua città.

Dopo 15 anni all’estero perché tornare a Grosseto?
“Grosseto è la città dove sono nata, a cui sono profondamente legata e dove sono tutti i miei affetti. Ho sempre pensato che un giorno sarei tornata portando il mio contributo. Ho notato come in Spagna molti luoghi abbandonati si stessero trasformando in opportunità per le persone, riqualificando interi quartieri. Da qui l’idea di dare una nuova vita alla macelleria di mio nonno Delfo. Uno spazio storico in via dei Mille e un punto di riferimento per i grossetani, che ha abbassato la saracinesca ormai da molti anni, dove ho creato MiMondo”.

Cos’è MiMondo?
“MiMondo è uno spazio sicuro e versatile, aperto a tutti. Pensato per le feste dei bambini, dove trovano libri, giocattoli e costumi, ma che permette anche agli adulti di poter trascorrere una giornata piacevole magari con un barbecue nel giardino esterno”. 

Possiamo dire che hai portato un po’ di Spagna in Maremma?
“Sempre più spesso mi sento dire che a Grosseto mancava uno spazio così, e questo mi riempie di gioia. Ma non mi fermo qua: sono spesso in viaggio, sto lavorando al nuovo film del mio compagno, il regista spagnolo Carles Torras, con cui ho lavorato in O’pen24H’ in cui ero coprotagonista, e ‘Callback’, un lungometraggio girato negli Stati Uniti e premiato al Festival del Cinema di Malaga. Quando sono fuori MiMondo può contare sull’entusiasmo di Antonella, mia mamma, e mia sorella Benedetta.

Grosseto come ha accolto l’apertura di questo spazio?
“Molto bene, da subito abbiamo ricevuto moltissime richieste per eventi privati, non solo compleanni di bambini, ma anche anniversari di matrimonio e, cosa del quale sono molto orgogliosa, laboratori di teatro per i più piccoli. Le città, come le persone, sono in continuo cambiamento e quelle che crescono e prosperano sono quelle capaci di adattarsi alle esigenze della collettività, per questo in MiMondo siamo aperti a proposte di ogni tipo.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button