Pubblicato il: 25 Luglio 2013 alle 14:24

AmiataCultura & Spettacoli

Al via ad Arcidosso “Alterazioni”: il festival delle arti visive e della musica all’ombra del Castello Aldobrandesco

Alterazioni - il team ArtqAncora arte e creatività per l’edizione 2013 di “Alterazioni”, il festival contemporaneo delle arti performative che da venerdì a domenica prossima torna al Castello Aldobrandesco di Arcidosso.

Dedicato alla sperimentazione artistica in ogni sua forma, il festival riunisce ogni anno sull’Amiata tanti giovani creativi provenienti da tutta Italia e non solo. Unesplosione di energia che nasce dalla contrapposizione tra la ricerca del nuovo in tutte le forme artistiche, dalla musica alle arti visive, e la forza prorompente del passato, che irrompe costantemente sulla scena con la maestosità e il fascino delle antiche mura che accolgono l’evento.

Tema di quest’anno è l’espressione delle essenze primordiali: “Il risveglio delle origini. Uomo e natura tra spirito e follia, dominio e creazione”.

Nella confusione, spesso alienante della vita quotidiana si avverte sempre più nitido e forte un bisogno di ritorno alle origini, di nuova connessione con le radici generatrici.” Così spiegano la loro ricerca artistica i ragazzi di Artq, l’associazione giovanile che da ormai quattro anni pensa, organizza e promuove “Alterazioni.”

Quarta edizione, quattro le sezioni artistiche: “Alterazioni visive”, “Alterazioni musicali”, “Street Art” e “Alterazioni da gustare”. Quattro, come gli elementi generatori: acqua, fuoco, aria e terra. Quattro come i punti cardinali, le stagioni e le fasi lunari. Un’edizione, questa del 2013, fortemente imperniata sulla potenza dei simboli naturali. Un viaggio multisensoriale verso le origini della vita. Perché “nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”. Anche “Alterazioni”.

Il Festival ‘Alterazioni’ – spiega Cinzia Tacconi, assessore provinciale alla Cultura – fa parte del circuito ‘Maremma In Contemporanea’, promosso dalla Provincia di Grosseto, che racchiude i più importanti eventi dedicati all’arte contemporanea nel nostro territorio. Un’iniziativa importante, innanzitutto perché ideata e promossa da giovani che amano il territorio dove sono cresciuti e credono nelle sue potenzialità. L’idea di far incontrare artisti e performers da tutta Italia, e non solo, nel borgo medievale di Arcidosso è un vero e proprio atto di amore per l’arte e per la propria terra”.

“ArezzoWave” e “Alterazioni”: insieme per la musica giovane di qualità

“Arezzo Wave” incontra “Alterazioni”: due modi di vivere e raccontare la contemporaneità che, da quest’anno, decidono di unire le loro energie a sostegno della creatività giovane.

Domenica 28 luglio, alle 22.30, sul palco di “Alterazioni”, sotto alle possenti mura del castello Aldobrandesco di Arcidosso, si esibiranno gli “Unheimlich!”, la band che con la sua musica elettrica lo scorso marzo ha vinto il contest “Arezzo Wave Band” come miglior band abruzzese, conquistando così la possibilità di partecipare all’”Arezzo Wave Love Festival” 2013. “Unheimlich!” è un progetto che nasce ad Atri, in provincia di Teramo, nel febbraio 2012. La band, formata da sei elementi, propone un sound trasversale caratterizzato da influenze electro, industrial, new wave e trip hop, accompagnato da visual inediti durante le performance dal vivo.

Alterazioni visive

Una mostra collettiva di scultura, pittura, digital art, videoart, installazioni, fotografia, che quest’anno vuole non solo mostrare la bellezza e la potenza dei quattro elementi nella loro individualità e nelle loro interazioni, ma rievocare nell’uomo un sentimento primordiale di stretta connessione indissolubile tra uomo e natura, di cordone ombelicale e relazione profonda e inscindibile. Gli artisti sono chiamati a rappresentare ed esprimere le sensazioni primitive che la natura, generatrice di vita, suscita.

Gli artisti selezionati quest’anno sono Aline Tisato, Arianna Arezzini, Beatrice Mancini, Cosimo Casoni, Davide Saba, Frederik Garcia, Gloria Sulli, Kroppslotion, Luca Tesconi, Marco Gilli, Massimo Cinelli, Max Ferrigno, Milena Cavallo, Monica Gattari, Paolo Scarfone, Sabrina Mazzuoli, Turi Avola, Sara Pelle, Simone Torrini, Valeria Pierini, Vito Alfarano, Zongliang Fang. Sabato 27 luglio, alle 17.30, sarà decretato il vincitore assoluto del premio di 1000 euro messo in palio tra gli under 35.

La mostra comprenderà anche le opere del padre della sperimentazione audio-video Andy Guhl, le installazioni interattive dei ragazzi di “Aurora meccanica”, l’installazione site/specific di Silvana Pincolini, le piante sonore di Emanuele Bizzarri, l’installazione realizzata con le fotografie vincitrici del concorso “Piece Of (H)eart(H)” ed una selezione di opere di street artist e writers coinvolti nel progetto artistico “Oltremare” dell’associazione “Artefacto”.

“Alterazioni musicali”

Sul palco del festival, anche questo anno si alterneranno musicisti, gruppi emergenti, dj, performer, attori e vj. “Alterazioni musicali” vuole promuovere gli artisti che si spingono oltre i limiti dei generi musicali, cercando la commistione tra sonorità e altri linguaggi espressivi come il teatro, le videoproiezioni, il cinema. Le performance andranno in scena su tutto il perimetro della piazza del Castello e nei palazzi vicini. I gruppi selezionati sono “A dark dress”, “Muvic” e “Zirkus der zeit”

“Alterazioni da gustare”

Riscoperta delle essenze primordiali è anche celebrazione dei sapori antichi. I prodotti della terra e il risultato della loro elaborazione saranno protagonisti anche quest’anno. La tradizione amiatina è ricca di prodotti tipici di qualità realizzati con metodi tramandati di generazione in generazione. Per questo, accanto all’arte, la rassegna vuole raccontare anche il viaggio dei sensi tra prodotti tipici locali e bevande artigianali. Un ritorno alle origini anche per i piaceri del palato.

Nella foto in alto, i ragazzi dell’associazione “Artq” che hanno ideato e organizzato “Alterazioni”. Sullo sfondo il murales di Romeo. Da sinistra: Gaia Magnani, Mike Marchionni, Michele Guidarini, Cristian Burali, Filippo Raffi, Irene Bigattini.

Ecco, nel dettaglio, il programma di “Alterazioni”:

venerdì 26 luglio:

ore 19.30: aperitivo di benvenuto con Berkana + AnieTera live. Forevergreen.fm Live (Idm/Edm);

ore 20: “Alterazioni da gustare”, apertura stand gastronomici;

ore 22.30: Riga presentano Escapism live performance audio/visiva;

ore 23.30: Q2 Visual / Micro / Siena Percussion Group presentano 4/4 (four-four) time live performance audio/visiva;

ore 01: chiusura con AnieTera + Berkana DJ Set Forevergreen.fm Live (Idm/Edm);

sabato 27 luglio:

ore 17.30: inaugurazione mostra “Alterazioni visive 2013 – Il risveglio delle origini”. Uomo e natura tra spirito e follia, dominio e creazione. Inaugurazione mostra collettiva, saluto delle autorità e premiazione del vincitore della quarta edizione;

ore 19.30: aperitivo di benvenuto con Sql Dj Set Electronic, Tech-house, Techno (mothlab);

ore 20: “Alterazioni da gustare”, apertura stand gastronomici;

ore 21.30: A dark dress Live electroacoustic duo;

ore 22.35: Muvic presentano Muvicplays with Alice live electronic, ambient, noise;

ore 23:40: zirkus der zeit Live avant prog industrial;

ore 01: chiusura con i Cani giganti live techno/electro live set con sintetizzatori analogici;

domenica 28 luglio:

ore 19.30:  aperitivo di benvenuto con Sus3 Live jazz experimental;

ore 20: “Alterazioni da gustare”, apertura stand gastronomici;

ore 21:30: Proiezione video “Io e me: visioni diverse di bambini uguali”, video intervista promossa dalle associazioni “Artq” e “Ibbirillo”,

ore 22:30: “Unhemlich!”, live industrial, new wave, trip hop, electronic in collaborazione con “Arezzo Wave love Festival”;

ore 23:30: Lvtvm Live digitanalogic twin basses + Emanuele Bizzarri Tesla Coil Performance.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su