CronacaGrosseto

Ospedale Misericordia: paziente aggredisce medico del pronto soccorso

La Uil: "Siamo stanchi di segnalare episodi di violenza"

“Da social media locali, apprendiamo che oggi 10 settembre, intorno alle ore 08.00 al cambio turno, un paziente del pronto soccorso dell’ospedale di Misericordia di Grosseto, ricoverato dalla sera precedente, ha iniziato a dare in escandescenze, afferrando un porta aghi, scagliandolo verso i medici e colpendone uno alla testa. Fortunatamente la ferita (da quello che si legge) non sembra grave, ma sarebbe potuto andare molto peggio se l’oggetto avesse preso una parte più delicata del volto”.

A dichiararlo, in un comunicato, è la segreteria della UilFpl dell’Area Vasta Toscana Sud Est Siena–Arezzo–Grosseto.

“Diremmo che questo episodio rappresenta ‘l’infinitesimo’ accadimento del genere, dato che oramai si è perso il conto degli episodi di aggressione che si sono verificati nell’ospedale Misericordia di Grosseto, al pronto soccorso e non solo (ricordiamo quello accaduto nella psichiatria) ad operatori socio sanitari, infermieri e medici – continua la nota -. Come Organizzazione Sindacale, abbiamo, nella stagione che volge al termine, esposto pubblicamente i molti episodi di aggressione al personale sanitario che sono accaduti, confidando che questi, con gli opportuni correttivi, anche organizzativi e di ‘security’, terminassero. Purtroppo, ogni volta si ricomincia daccapo, con le (più o meno) solite dinamiche, dato che trattasi per lo più di accadimenti che interessano pazienti problematici, intemperanti e disadattati, in molti casi già noti alle forze dell’ordine, ai quali non si riesce a dare argine o contegno, se non a rischio della propria incolumità. Sinceramente, rimaniamo attoniti e disorientati dal verificarsi ‘seriale’ di questi episodi, ai quali non riusciamo e non vogliamo abituarci“.

“Ormai è conclamato il rischio che, qualche volta, potrebbe ‘scapparci il morto’. Sicuramente qualcosa è stato fatto per scongiurare simili episodi, ma, visto il (purtroppo) continuo verificarsi degli stessi, vuol dire che bisogna fare di più……molto di più……’hic et nunc’ (qui ed ora) – termina il comunicato -. La salute e la tutela degli operatori sanitari (medici, infermieri, Oss), sono aspetti da preservare primariamente, dato che da questi promana la buona cura per la salute dei pazienti

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button