Patto per la sicurezza: altri cinque Comuni aderiscono all’accordo con la Prefettura

Mercoledì 5 ottobre, alle 11.00, al Palazzo del Governo, in piazza Rosselli, a Grosseto, i sindaci dei Comuni di Arcidosso, Castel del Piano, Civitella Paganico, Roccastrada e Scarlino sottoscriveranno l’atto di adesione al Patto per la sicurezza, sottoscritto il 9 aprile 2015 tra la Prefettura, la Regione Toscana, l’amministrazione provinciale ed i Comuni di Grosseto, Castiglione della Pescaia, Follonica, Gavorrano, Monte Argentario e Orbetello.

Il Patto rappresenta, nell’ambito delle politiche di sicurezza integrata, uno strumento per perseguire aggiornati modelli di governo della sicurezza pubblica e della sicurezza urbana, anche mediante la previsione di iniziative volte a favorire la vivibilità del territorio e la qualità della vita, coniugando prevenzione, mediazione dei conflitti, controllo e repressione.

Le finalità del Patto vengono perseguite attraverso l’attività di tre tavoli tecnici preposti alla realizzazione di progetti, nelle aree tematiche individuate:

  • controllo del territorio – sicurezza stradale – videosorveglianza;
  • prevenzione sociale – educazione alla legalità – aree di degrado;
  • prevenzione antimafia– lavoro irregolare e sicurezza sul lavoro;

che saranno valutati dalla cabina di regia, organo di governo del Patto.

I Comuni sottoscrittori si impegnano a conferire risorse per finanziarie specifici progetti per la realizzazione di interventi per la sicurezza urbana.

La Prefettura di Grosseto rinnova l’impegno a fornire periodicamente i dati statistici sulla criminalità nei singoli territori comunali e a collaborare ad iniziative pubbliche degli enti territoriali sul tema della sicurezza.

Saranno inoltre pianificati, in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, anche sulla base di informazioni fornite dagli enti territoriali, mirati servizi di prevenzione, controllo e contrasto dei fenomeni illegali, insieme a valutazioni congiunte su specifiche situazioni problematiche relative alla sicurezza urbana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top