Costa d'argentoEconomia

Abusivismo, Confcommercio incontra il vicesindaco di Orbetello:”Le regole vanno rispettate”

Il direttore di Confcommercio Paolo Coli ha incontrato il vicesindaco di Orbetello Marcello Stoppa per sensibilizzare l’amministrazione locale in merito al problema dell’abusivismo.

Assieme a Coli, erano presenti la referente di zona Maddalena Ottali, Carlo Ricci della segreteria di Confcommercio e due ristoratori in rappresentanza della categoria.

“Ogni anno, con l’avvicinarsi delle festività e delle serate di fine anno, circoli e associazioni organizzano cene, feste danzanti e intrattenimenti vari – si legge in una nota di Confcommercio -. Purtroppo, in alcuni casi, questi eventi non sono sporadici e riservati ai soci, ma assumono i connotati propri delle imprese di pubblico esercizio, in palese violazione della legislazione vigente e con conseguente mancato rispetto della normativa fiscale da parte dei titolari”.

Durante l’incontro, Confcommercio ha ribadito che i circoli e le associazioni devono avere il ruolo istituzionale preminente che compete loro in base allo statuto e possono esercitare un’attività di somministrazione solo ed esclusivamente se essa è riservata ai soli soci o associati regolarmente tesserati.

Come chiarito recentemente anche dal Tar del Lazio – continua la nota, il tesseramento del socio non può assolutamente avvenire al momento dell’accesso al locale pubblico, solo per giustificare l’ingresso di chiunque, ma deve avere i criteri e i filtri che sono previsti dai singoli statuti”.

La Confcommercio sta cercando di sensibilizzare tutte le amministrazioni e tutti gli organi competenti affinché, in questo periodo, siano effettuati controlli idonei a scoraggiare ogni tipo di attività abusiva o irregolare. A questo proposito, il colloquio con Stoppa è stato sincero e costruttivo: le regole ci sono, sono ben chiare e vanno rispettate.

“Non è pensabile che gli imprenditori e i loro dipendenti siano soggetti al peso di una regolamentazione ed una fiscalità così gravose, quando poi i soliti ‘furbetti’, mascherati da circoli o da associazioni, possono, in completo spregio delle normative, evadere e togliere risorse agli imprenditori onesti – conclude il comunicato di Confcommercio -. Per questo viene chiesto un ferreo controllo del rispetto delle regole, anche per salvaguardare chi veramente, con le associazioni, dà sostegno al sociale ed alla cultura e non vuol farsi confondere con chi, invece, fa dei circoli e delle associazioni delle imprese occulte”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button