Pubblicato il: 16 Aprile 2015 alle 10:11

Colline Metallifere

A Sassofortino gli alimenti invenduti dell’InCoop saranno distribuiti a persone in difficoltà

Coop e Onlus di Sassofortino unite contro lo spreco alimentare. Sabato 18 aprile (Centro Civico, ore 18) sarà firmato un protocollo d’intesa per l’attivazione del “Buon Fine”, la procedura che consente ai volontari dell’Anpass, in collaborazione con la locale Sezione soci Coop, di ritirare generi alimentari dall’InCoop di via Garibaldi per poi distribuirli a persone e famiglie in difficoltà.

Saranno presenti: Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada; Laura Boncioli, vice presidente Sezione soci Coop Est Maremma; Fabrizio Boldrini, presidente Coeso; Mauro Bianchi, presidente Anpass e Claudio Bindi, responsabile di negozio InCoop Sassofortino.

Il Buon Fine nasce dalla legge n.155 del 25 giugno 2003, ribattezzata “Legge del Buon Samaritano”, in quanto disciplina la distribuzione dei prodotti alimentari ai fini di solidarietà sociale.

Tutti i giorni la distribuzione commerciale genera volumi di merce invenduta, prodotti alimentari che vengono ritirati dai banchi e dagli scaffali ancora integri e commestibili che però, per vari motivi  (scadenza ravvicinata, confezione ammaccata, etichetta strappata, etc.), non possono per legge essere rimessi in vendita. Merce destinata ad essere smaltita come rifiuto che, grazie al progetto Buon Fine, può essere recuperata e destinata ai fini sociali.

Unicoop Tirreno, la Cooperativa presente con 114 punti vendita in Toscana, Lazio, Campania e Umbria, ha iniziato la sperimentazione del Buon Fine nel 2004. Oggi il progetto è attivo in 89 supermercati e sono stati firmati protocolli d’intesa con oltre 60 associazioni di volontariato che, periodicamente, ritirano la merce dai negozi per distribuirla nelle proprie mense o direttamente alle famiglie indigenti. I pilastri di questo progetto sono le Sezioni soci, i dipendenti Coop del territorio e i partner del progetto. Il ruolo delle Sezioni è individuare le onlus con cui attivare l’accordo e monitorare il buon andamento del progetto rispondendo così ai bisogni della comunità locale. I dipendenti invece assumono in proprio l’attività di recupero merce favorendo quindi una diminuzione degli sprechi e il loro riutilizzo a fini sociali. Non è trascurabile, inoltre, un altro valore di questo progetto: quello ambientale. La distribuzione dei prodotti riduce infatti il quantitativo di rifiuti da smaltire e, conseguentemente, l’inquinamento.

Nel 2014 le Onlus che collaborano con Unicoop Tirreno nelle quattro regioni hanno raccolto oltre 2.500.000 euro di prodotti, dando assistenza a migliaia di persone svantaggiate, attraverso strutture residenziali, mense, case di riposo.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su