Pubblicato il: 18 Maggio 2013 alle 19:04

Economia

A Maremma Wine Food Shire si è fatto il punto sul futuro dell’economia in Maremma

Maremma Wine Food Shire è una mano tesa al turismo e all’intero sistema economico provinciale”. Così è stata definita la grande vetrina del vino e dell’agroalimentare voluta dalla Camera di Commercio, in collaborazione con Comune e Provincia di Grosseto nel talk show “Grosseto capitale della Maremma” che si è svolto nella sala contrattazioni di via Cairoli.

Moderato dal giornalista Paolo Massobrio, hanno partecipato il presidente della Camera di Commercio di Grosseto, Giovanni Lamioni; il presidente della Provincia, Leonardo Marras,  ed il sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi. Ospiti di riguardo, Ferruccio Dardanello e Claudio Gagliardi, presidente e segretario generale di Unioncamere nazionale.

Molti hanno solo un’immagine bucolica di questo territorio, che invece è molto proiettato nel futuro ed anzi propenso all’innovazione – ha spiegato Lamioni –. Sono anche convinto che la Maremma faccia tendenza, che abbia un grande appeal semplicemente per quello che è. La nostra è una terra straordinaria: noi non dobbiamo millantare nulla”. Secondo Lamioni, Maremma Wine Food Shire sarà un “evento verità”.

“Tutto ciò che è prodotto in Maremma è genuino perché arriva da una terra altrettanto genuina ed intatta – ha continuato il Presidente della Camera di Commerciocaratterizzata da un sistema di parchi e da una biodiversità straordinaria. La scommessa è solo questa, con coraggio e determinazione portare la Maremma nel mondo e il mondo in Maremma. Tutto ciò che  viene prodotto qui è figlio di un territorio genuino. Pochi altri territori possono vantare questa varietà e qualità”.

Il sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi ha sottolineato l’importanza della sinergia tra Comune, Provincia e Camera di Commercio per la realizzazione del grande evento nel centro storico. “Stiamo lanciando un messaggio di speranza e di ottimismo” ha spiegato il primo cittadino.

Il presidente della provincia Leonardo Marras ha parlato dell’Expo del 2015 a Milano, che sarà incentrato sul temi dell’alimentazione, come di un appuntamento importante per il territorio, e di Maremma Wine Food Shire come di un momento di verifica di una capacità di fare sistema.

Una capacità, questa – ha detto Marras che in passato ci è mancata e che adesso stiamo imparando. Gli ultimi anni, in questo senso, sono stati un progresso continuo. Ora si sono svolti gli Stati Generali del Vino. Nel settore agroalimentare entro il 26 giugno nascerà ad Alberese il nuovo Polo tecnologico della produzioni alimentari di qualità”.

Anche Dardanello, presidente di Unioncamere, ha precisato che l’Expo del 2015 sarà un appuntamento grandissimo, ma non l’unico.

Anche noi abbiamo un progetto che oramai è decollato – ha spiegato Dardanelloche vede oltre 1.500 ristoratori all’estero che riportano la nostra certificazione del gusto ‘Ristoranti italiani nel mondo, ospitalità italiana’. Noi vorremmo vendere un pacchetto Expo col marchio Maremma. Vi propongo di costruire un bel prodotto e noi lo metteremo in duemila punti vendita del mondo tramite la nostra straordinaria rete. Lamioni, anche nel suo ruolo di vicepresidente di Unioncamere sarà il vostro ambasciatore. Dal vostro territorio, ne sono sicuro, può arrivare una delle proposte più accattivanti”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su