Life Medwolf, continua il progetto: raccolti i dati sulla presenza di lupi in Maremma

Il progetto Life Medwolf continua nello svolgimento delle attività sul territorio grossetano.

Dopo aver fornito supporto agli allevatori per l’installazione di 72 ricoveri notturni – alcuni dei quali ancora da completare – e affidato almeno 30 cani alle aziende che ne hanno fatto richiesta, lo staff del progetto è adesso impegnato nello svolgimento delle ultime attività di indagine.

In particolare, sono stati selezionati tre tecnici attraverso un bando pubblicato dalla Provincia di Grosseto (Paola Fazzi, Federico Morimando e Marco Lucchesi), che sono stati incaricati di raccogliere i dati sulla presenza dei lupi e degli ibridi sul territorio grossetano.

L’indagine porterà ad una stima affidabile del numero minimo di branchi e del tasso di ibridazione, proveniente da dati integrati e analizzati secondo tecniche all’avanguardia, e non frutto di interpretazioni degli esperti.

Le attività sono molto intense e il protocollo di raccolta dati è stato prodotto con la supervisione scientifica del dottor Paolo Ciucci dell’Università Sapienza di Roma. Il progetto non prevedeva la stima degli ibridi, ma è stata chiesta l’autorizzazione alla Commissione Europea per condurre le analisi genetiche degli escrementi, dal momento che il problema degli ibridi sul territorio è particolarmente sentito.

Le attività che coinvolgono i tecnici includono la raccolta di escrementi, il posizionamento delle fototrappole e l’emissione notturna degli ululati per stimolare la risposta dei predatori.

Sono numerosi anche i volontari che hanno partecipato alle attività, offrendo aiuto sia di giorno che di notte. E’ stata determinante la collaborazione di molti allevatori, che hanno fornito indicazioni, e offerto supporto per lo svolgimento delle attività nelle loro proprietà.

I risultati finali saranno disponibili a novembre, ma già a ottobre, dal momento che la raccolta dei dati si concluderà a settembre, si svolgerà un incontro per riportare i risultati preliminari e informare chiunque sia interessato sui dati raccolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top