La Notte visibile della cultura accende Grosseto: protagoniste le bellezze artistiche “invisibili”. Il programma

Tutto è pronto per la quinta edizione della Notte visibile della cultura, che verrà inaugurata sabato 16 settembre, alle 17, a Clarisse Arte, in via Vinzaglio.

Questa edizione affronta un tema suggestivo e affascinante – “La città invisibile,  miti e leggende maremmane” –  e ci propone una Grosseto nascosta che, per una notte, si rivela attraverso le testimonianze di un tessuto culturale e artistico più vivo che mai. Un tema che guarda al passato e che vuole far riscoprire la nostra città come un luogo ricco di storia e di cultura.

La Notte visibile 2017 è anche molto di più: offre gli esiti di una ricerca archeologica su ciò che non si vede più, ma anche il fascino delle leggende metropolitane su Grosseto e la Maremma, e ancora spettacoli, performance, proiezioni, concerti, visite guidate, letture e teatro. Scopriamo una Grosseto che pulsa di vita anche nei suoi miti e nel suo passato, che è ricca di “bellezza” e per certi versi ancora poco conosciuta. Questa edizione della Notte visibile è destinata ad aprire quella porta della memoria che per molti sarà fonte di sorpresa e di arricchimento.

La Notte visibile della cultura si propone l’obiettivo di valorizzare tutte quelle invisibilità culturali che finora non sono state messe in luce nella nostra città“, spiega il sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna.

Si tratta di un’iniziativa significativa, nata da un concreto coordinamento tra più soggetti – aggiunge il vicesindaco e assessore alla cultura e al turismo, Luca Agresti -. La Notte visibile della cultura è un fiore all’occhiello della nostra città e si pone l’obiettivo di valorizzare alcuni luoghi culturali che l’amministrazione intende riqualificare, anche grazie alla recente sinergia con l’istituzione Le Mura“.

Agresti poi fa un rapido accenno alla nomina del nuovo presidente di Fondazione Grosseto Cultura dopo le dimissioni di Francesco Mori: “Non abbiamo alcuna fretta di decidere il nuovo presidente – spiega il vicesindaco. Ci stiamo ragionando, ma con attente riflessioni, anche perchè al momento la Fondazione ha un Cda e uno staff in grado di portare avanti in modo egregio gli eventi in programma“.

La Notte visibile è il frutto concreto del lavoro fatto da associazioni, istituzioni e soggetti privati – aggiunge Sebastiano Venier, presidente ad interim della Fondazione Grosseto Cultura –, che hanno pianificato in perfetta sintonia questa manifestazione“.

In occasione della Notte visibile, per la prima volta la nostra istituzione proporrà un evento al di fuori della sua sede – sottolinea Alessandro Capitani, presidente dell’istituzione Le Mura –. Organizzeremo una proiezione al Cassero, in cui saranno mostrate immagini di cartoline della Grosseto di fine ‘800, quando i nostri concittadini passeggiavano sulle mura. Ci sarà anche un concerto Jazz di Stefano Cocco Cantini. Inoltre, allestiremo un gazebo in cui sarà possibile ritirare un questionario attraverso il quale i grossetani potranno offrire suggerimenti sulla fruizione delle mura medicee“.

La Notte visibile della cultura è lo specchio culturale della nostra città – sottolinea Mauro Papa, direttore di Clarisse Arte –. I protagonisti della manifestazione, infatti, sono gli stessi grossetani. Quest’anno il tema sarà rivolto a qualcosa del passato che deve essere maggiormente messo in mostra. L’offerta culturale sarà molto interessante e la Notte visibile sarà un antipasto della prossima edizione della Città visibile, in programma nel 2018. Un appuntamento speciale, che celebrerà il decennale di questo importante evento culturale e sul quale stiamo già lavorando“.

La Notte Visibile della Cultura si svolgerà nel centro storico di Grosseto sabato 16 settembre: verrà inaugurata alle 17.00 con l’opening della mostra di Clarisse Arte (Via Vinzaglio 27) e proseguirà fino alle 24.00; i tre musei cittadini (Archeologico, storia naturale e Clarisse) saranno aperti e con ingresso gratuito.

Inoltre, la delegazione Fai di Grosseto, dalle 19 alle 24, aprirà eccezionalmente al pubblico il villino Pastorelli in via Fallaci (ex via IV novembre), con visite guidate a cura dei volontari Fai, per scoprire quello che è ritenuto una delle opere più importanti dell’architetto Lorenzo Porciatti nonché uno dei migliori esempi del Liberty cittadino.

Al primo piano delle Clarisse è prevista la mostra partecipativa che esporrà le opere selezionate da uno specifico bando rivolto agli artisti e, per la prima volta, anche i collezionisti grossetani potranno rendere visibili i capolavori di loro proprietà solitamente “invisibili”.

Altre mostre visitabili nel corso della Notte saranno quelle allestite nel piano terra del Cassero (“I tesori della Chelliana”, mostra di manoscritti e altre opere appartenenti al Fondo antico della Biblioteca) e la mostra dei reperti riemersi dallo scavo del pozzo della cattedrale, esposti nell’ufficio della soprintendenza di via Mazzini 24. Queste due mostre, insieme alla mostra “Forever never comes”, già aperta da agosto nel Museo archeologico di Grosseto, costituiranno le tre tappe del Passaporto dell’Arte che anche in questa edizione offrirà premi culturali come abbonamenti alla stagione teatrale e corsi di musica gratuita. Inoltre, da segnalare anche le mostre allestite nel Museo Lab del Polo universitario grossetano (secondo piano delle Clarisse) e la mostra documentaria curata dall’associazione La Deceris nella Sala contrattazioni della Camera di commercio.

L’offerta culturale predominante, come accennato, sarà comunque legata alle visite guidate: il walking tour nella Grosseto medievale a cura di Coopera; la visita interattiva “Caccia al monumento” della ConfGuide di Grosseto; le 14 visite guidate curate dalle Orme in vari luoghi della città: Teatro degli Industri, Palazzo della Provincia, Municipio e Bastione della Fortezza.

Molte anche le conferenze: “Il restauro della statua di San Sebastiano di Antonio Rossi” di Fabio Torchio e Stefania Caloni (Chiesa dei Bigi, alle 18); “Il calice sepolto” di Roberto Farinelli (Clarisse Arte, alle 19); seminari sulle leggende urbane nel Palazzo della Provincia (a partire dalle 20.30); “Le voci del fondo etnografico Ferretti” di Luciana Corridori (Clarisse Arte, alle 21), “Le fate tra Amiata e Maremma” di Graziano Mantiloni e Clelia Ricciardiello (Sala Consiglio comunale, alle 22). E poi la notte sarà animata dagli incontri condotti da Paolo Pisani (Galleria Pascucci) e Argia (Piazzetta Monte dei Paschi), dallo spettacolo “Mistero” in Cattedrale (alle 21.15), dalle tradizionali performance delle scuole di danza in piazza, dalla serata al Cassero con performance musicale e videoproiezioni organizzata dalla neonata Istituzione Le Mura e da molto altro.

Quest’anno anche Abio (Associazione per il bambino in ospedale) Grosseto sarà presente alla manifestazione con un bellissimo progetto di lettura di fiabe per bambini.

Dalle 17 alle 23, nella sala dell’ex Cedav in via Mazzini, i volontari Abio intratterranno grandi e bambini con il loro “Teatro in Valigia“, che riunisce la lettura di favole con il teatro. Un progetto che riscuote sempre molto successo fra i bimbi ricoverati al Misericordia e che sabato sarà riproposto per tutti i bambini grossetani.

La Notte visibile della cultura è un’iniziativa di Fondazione Grosseto Cultura in coorganizzazione con il Comune di Grosseto con il sostegno del Consorzio Vini Maremma Toscana e con la collaborazione di Musei di Maremma, Clarisse Arte, Cedav arti visive, IstituzioneLe Mura, Provincia di Grosseto, Regione Toscana, MiBAC, Fai.

I soci aderenti della Fondazione Grosseto Cultura sono: centro commerciale Aurelia Antica, Nuova Solmine, Terme Marine Leopoldo II, cooperativa Uscita di Sicurezza.

Il programma

Ecco, nel dettaglio, il programma della Notte visibile della cultura 2017:

  • ore 17.00: Clarisse, inaugurazione della Notte visibile della cultura e delle mostre;
  • ore 17.30: Museo archeologico, laboratorio tattile creativo per bambini;
  • ore 17.30: Camera Commercio, ass. cinofila attività per i bimbi;
  • ore 18.00: Chiesa dei Bigi, conferenza sul restauro di un San Sebastiano;
  • ore 18.00: Portico municipio, partenza Caccia al monumento;
  • ore 18.30: P.za San Francesco, performance a cura di AracNETeatro;
  • ore 18.30: Galleria Pascucci, conferenza di Paolo Pisani;
  • ore 19.00: Museo archeologico, visita guidata mostra d’arte contemporanea;
  • ore 19.00: Clarisse Arte, conferenza “Il Calice sepolto”;
  • ore 19.00: P.za San Francesco, performance Centro Danza Acsd;
  • ore 19.30: P.za San Francesco, performance a cura di AracNETeatro;
  • ore 19.30: Ridotto Teatro Industri, concerto Massida Papetti;
  • ore 19.30: Piazza Dante, performance Asd Artistica;
  • ore 19.45: P.za San Francesco, performance Centro Danza Acsd;
  • ore 20.00: Museo archeologico, degustazione prodotti tipici;
  • ore 20.00: Chiasso degli Zuavi, monologo di Stefano Lucarelli;
  • ore 20.30: Palazzo Provincia, conferenza su leggende metropolitane;
  • ore 21.00: Ufficio Sabap Via Mazzini, conferenza sul Duomo;
  • ore 21.00: Clarisse Arte, conferenza su Roberto Ferretti;
  • ore 21.00: P.za Duomo, partenza del walking tour;
  • ore 21.00: P.za Martiri d’Istia, performance di zumba;
  • ore 21.00: Museo storia naturale, spettacolo “In miniera con Sandrone”;
  • ore 21.00: Portico municipio, partenza Caccia al monumento;
  • ore 21.00: Via IV Novembre, visite Fai Villino Pastorelli;
  • ore 21.15: Duomo, drammaturgia “Mistero”;
  • ore 21.30: Bastione Cassero, performance Cocco Cantini e proiezioni;
  • ore 21.30: Camera Commercio, convegno associazione cinofila;
  • ore 21.30: Palazzo Provincia, reading leggende metropolitane;
  • ore 21.30: P.za San Francesco, performance Centro Danza csd;
  • ore 21.45: P.za Monte Paschi, spettacolo di Argia;
  • ore 22.00: Chiesa dei Bigi, concerto del Coro Incantus;
  • ore 22.00: P.za San Francesco, performance a cura di AracNETeatro;
  • ore 22.00: Chiasso degli Zuavi, monologo di Stefano Lucarelli;
  • ore 22.00: Piazza Dante, performance Asd Artistica;
  • ore 22.00: Municipio, Sala Consiglio, presentazione libro sulle fate;
  • ore 22.15: P.za San Francesco, performance Centro Danza Acsd;
  • ore 22.30: P.za Duomo, partenza del walking tour;
  • ore 22.30: Ridotto Teatro Industri, concerto Massida Papetti;
  • ore 22.30: Museo storia naturale, spettacolo “In miniera con Sandrone”;
  • ore 23.00: P.za San Francesco, performance a cura di AracNETeatro;
  • ore 23.00: P.za Martiri d’Istia, performance di zumba;
  • ore 23.00: Palazzo Provincia, seminario sull’illustrazione horror;
  • ore 00.00: Cassero senese, dj set .

Tutta la sera

Museo archeologico, Museo di storia naturale e Polo espositivo delle Clarisse Arte aperti e gratuiti

Piazza Baccarini

Stands informativi

Stand Unicef

Progetto promozione turistica Isis

Piazza Duomo

Mostra Agaf

Piazza Dante

Comics Camper

Esibizione artistica Street Gym

Piazza San Michele

Discover Game

Via Galilei

Mostra “Adeguiamo via Galilei”

Sala ex Cedav

Teatro per bambini

Mostre

Clarisse, Camera di commercio, Museo archeologico, Teatro degli Industri, Ufficio Sabap

Visite guidate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top