I Cobas: “Supermercato allagato per la pioggia, rischi per dipendenti e clienti”

Sono bastati pochi minuti di pioggia nella tarda mattinata di oggi per rendere inaccettabili le già pesanti condizioni di lavoro dei dipendenti del Pam di via del Sabotino a Grosseto“.

A dichiararlo è Giuseppe Follino, dei Cobas Lavoro Privato di Grosseto, aderente alla Confederazione dei Comitati di Base.

“In pochi minuti si è allagata la zona del supermercato tra le casse e l’ingresso. L’acqua, penetrando copiosamente dai faretti situati nel soffitto, ha reso presto scivoloso sia l’ingresso sia l’uscita dei clienti – spiega Follino -. Doppio pericolo, quindi: rischio di corto circuito e potenziale folgorazione per chiunque si trovasse all’interno del punto vendita e rischio di scivolamento per chi entrava e/o usciva. Nonostante sia stata prontamente avvisata, nessuna indicazione di comportamento per i dipendenti da parte della direzione, assente anche per non aver provveduto ad evitare l’accaduto, che, a detta di alcuni, non è la prima volta che accade“.

“Condizioni di lavoro tutt’altro che ottimali per i lavoratori del Pam Sabotino di Grosseto, già falcidiati da tagli di personale e/o di orario in varie forme (contratti di solidarietà, cassa integrazione, ecc.) – sottolinea Follino -. Questo accade nonostante l’ultimo dato disponibile della holding (2014) del gruppo veneziano (Gecos), che detiene il 100% dei supermercati Pam, non si è chiuso malissimo. Gecos (Generale di commercio e servizi), infatti, nel 2014 ha registrato un utile di oltre 5,8 milioni di euro, un bel gruzzolo rispetto ai 267.000 euro del precedente esercizio. L’azienda non è nuova a comportamenti antisindacali e al mancato riconoscimento dei diritti dei dipendenti, tant’è vero che lo scorso anno è stata condannata per comportamento antisindacale per fatti avvenuti in supermercati di Mestre e Marghera“.

“Possibile che l’azienda, che solo 2 giorni fa cercava personale (http://www.jobmeeting.it/magazine/giovani-e-lavoro/pam-cerca-personale-per-i-propri-punti-vendita-08067513), debba scaricare sui lavoratori l’incapacità del management di fronteggiare la crisi – termina Follino? Possibile che un gruppo che fattura 2,40 miliardi di euro (http://www.gruppopam.it/) non ne trovi qualche centinaio per garantire la sicurezza di clienti e lavoratori nel punto vendita Sabotino di Grosseto?“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top