Convertiva e arruolava uomini da mandare in Siria: espulso integralista islamico

Ieri, la Polizia di Stato, Questura di Grosseto, ha eseguito il provvedimento di espulsione dal territorio nazionale a firma del Ministro dell’Interno a carico di un cittadino albanese 42 enne.

Bracciante agricolo, credente islamico integralista, il soggetto era stato arrestato nel 2015 in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla DDA di Milano, nell’ambito dell’Operazione “Martesa”, insieme ad altri componenti di una cellula eversiva dedita all’indottrinamento ed al reclutamento di persone da inviare negli scenari mediorientali sotto il dominio dello Stato Islamico, a conclusione di un’indagine condotta dalle Digos delle Questure di Milano e di Grosseto, che aveva portato ad accertare le attività di proselitismo attuate dai suddetti, volte a convertire e ad arruolare altri soggetti per essere inviati in Siria a combattere a favore della causa dell’Isis.

Essendosi ritenuto attuale, dalle attività di monitoraggio del personale dipendente, il pericolo che lo stesso potesse reiterare le suddette condotte, è stata avanzata proposta di espulsione dal territorio nazionale al fine di preservare la sicurezza dello Stato, accolta dal Ministro dell’Interno.

Pertanto, nella tarda serata di ieri, l’uomo è stato condotto a bordo di vettore aereo presso il Paese d’origine e lì consegnato alle locali Autorità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top