Blitz della Municipale insieme al sindaco e all’assessore: controllate 33 persone sulle mura

Trentatré persone controllate, di cui due fermate e portate al Comando della Polizia municipale perché sprovviste di documenti di riconoscimento. E’ il bilancio di una mattina trascorsa in compagnia della Polizia municipale di Grosseto.

Il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore alla sicurezza Fausto Turbanti sono infatti andati oggi sulle mura medicee per monitorare la situazione del monumento e verificare il lavoro svolto quotidianamente dagli agenti.

I vigili urbani – assieme alle Forze dell’ordine – sono sulle mura di Grosseto tutti i giorni.

E’ egregio il lavoro della nostra Polizia Municipale – dichiara il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, che dall’inizio dell’anno ha messo in atto un nuovo sistema di controllo delle Mura medicee, in sinergia con le altre forze dell’ordine, come Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Polizia provinciale: questo tipo di organizzazione migliora le condizioni del nostro monumento, anche se siamo consapevoli che molto c’è da fare perché ci troviamo a far fronte a un’emergenza dovuta alla presenza di persone legate alla criminalità. Ma era importante dare un segnale forte, da abbinare all’impegno culturale, con l’istituzione Le Mura, e legato ai lavori pubblici. L’operazione, che rientra nello stretto controllo del centro storico, è mirata all’identificazione dei frequentatori, limitando i bivacchi e soprattutto il numero di reati. Un altro passo avanti, per cui ringrazio l’assessore Fausto Turbanti, con l’obiettivo di migliorare le condizioni di sicurezza. Viva Grosseto“.

Oltre a tutto ciò la Polizia municipale assicura la presenza nel cuore della città del vigile di quartiere: proprio dal centro storico è iniziato il percorso che porterà Grosseto a poter contare su una figura di riferimento per ogni zona.

Sempre per le Mura medicee – dichiara l’assessore Turbantistiamo predisponendo anche un’ordinanza che regoli la vita nei percorsi del monumento“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Top